Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Olimpiadi 2026, l’emozionante video di presentazione di Milano-Cortina

Attesa per l'assegnazione della sede dei Giochi invernali. A Losanna ci rappresentano le 'sorelle d'Italia' Goggia e Moioli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – La delegazione di Milano-Cortina ha terminato la presentazione della sua candidatura allo SwissTech Convention Center di Losanna, dove alle 18 sarà annunciata la sede che ospiterà i Giochi Olimpici invernali del 2026.

LEGGI ANCHE Olimpiadi 2026, Conte: “Se l’Italia viene scelta, faremo la storia dello sport”

LEGGI ANCHE Olimpiadi 2026, oggi il verdetto a Losanna: bandierine e applausi per la delegazione italiana

E’ stato mostrato al pubblico anche il video promozionale realizzato per l’occasione, lanciato da due star dello sport tricolore: Sofia Goggia e Michela Moioli, in un tripudio di applausi e bandiere sventolate. 

L’Italia viene riletta in tutte le sue caratteristiche più note, specie agli stranieri. Un esempio? Siamo sì il Paese del Sole, ma anche della gioia. Famiglia, cibo, Storia, ma non solo. In Italia c’è tanto altro. 

It’s time for the #MilanoCortina2026 presentation.

The 2026 #WinterOlympics are looking for a new home. Who will take it?

Watch LIVE as @milanocortina26 ?? make their bid: https://t.co/eX6V5mrX59 pic.twitter.com/mUUe3IdtcT

— Olympic Channel (@olympicchannel) 24 giugno 2019

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»