Si sbloccano le assunzioni in Regione, 1.500 nuovi ingressi in Emilia Romagna

"È un piano importantissimo ma non vogliamo fermarci qui", annuncia il presidente Bonaccini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – La principale infornata di personale nella Regione Emilia-Romagna degli ultimi 10 anni o forse, tutto sommato, di sempre. L’annunciano oggi il governatore Stefano Bonaccini e il suo assessore a Bilancio e Risorse umane Emma Petitti, illustrando insieme ai sindacati i dettagli del nuovo piano. Spicca la scelta di procedere a quasi 1.300 assunzioni, attraverso una tornata di concorsi a partire dalla metà di luglio (arriverà una nuova sezione online nel sito della Regione rinnovata e semplificata) che in prospettiva svecchierà la pianta organica di viale Aldo Moro, costituita in tutto da 4.000 persone, rinnovandola del 30%. Il tutto all’insegna di un nuovo “percorso aperto” a nuovi profili, in ambiti che vanno dalle materie giuridico-amministrative a quelle economico-finanziarie, dalla gestione del territorio alla tutela ambientale fino alla trasformazione digitale, senza scordare le materie umanistiche. I nuovi ingressi, in tutto questo, supereranno abbondantemente quota 1.500 unità, una volta aggiunti anche i 260 dipendenti in arrivo dalla mobilità fra vari enti pubblici.

Bonaccini e Petitti, al fianco delle categorie interessate di Cgil-Cisl-Uil, la definiscono una “nuova fase, che mette al centro merito ed equità dopo 10 anni di blocco del turnover dovuto alle norme statali”. E il piano triennale dei fabbisogni lavorativi 2019-2021, così come lo chiama ufficialmente la giunta regionale, risponde anche all’attesa riduzione di organico, del 30% nel triennio, tra fisiologici pensionamenti, ‘quota 100’ e altri fattori. Si prevedono 1.500 assunzioni considerando anche l’Agenzia regionale per il lavoro, l’Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l’energia (Arpae) e L’Agenzia regionale per il diritto agli studi superiori (Ergo).

Va poi a regime lo smart working, il ‘lavoro agile’ fuori dall’ufficio, basato sulla responsabilizzazione del collaboratore e il ricorso agli strumenti informatici e digitali: si tratta di una prospettiva che si apre per ben 350 dipendenti regionali. Attraverso il nuovo piano, inoltre, si potrà puntare a ridurre l’età media del personale, oggi superiore ai 52 anni (57 nella dirigenza) ma soprattutto a integrare gli organici regionali con più competenze e attitudini. Nello schema della giunta si vogliono garantire prospettive di carriera ai lavoratori regionali, contrastando il precariato interno e assicurando posti di riserva nei concorsi a chi già lavora nell’ente, oltre a completare nel triennio il rientro o il trasferimento del personale distaccato. Tra le finalità, c’è anche quella di recuperare il 10% di efficienza tramite misure di riorganizzazione e trasformazione digitale. “Il tutto senza aumenti di spesa per l’amministrazione”, confermano amministratori e tecnici: a regime, segnalano, la Regione spenderà meno, superando l’esigenza di dover gestire sia i precari sia gli assunti a tempo indeterminato, stabilizzando i primi. 

Evidenzia Bonaccini: “Il blocco che per troppi anni in questo Paese c’è stato ha alzato l’età media dei lavoratori del pubblico impiego. Abbiamo rischiato di bruciare un’intera generazione, dicendole che non toccava mai a lei, e ora dobbiamo riempire la pubblica amministrazione di nuove figure, in sanità ad esempio abbiamo già abbassato l’età media. È un piano importantissimo ma non vogliamo fermarci qui“, segnala il presidente della Regione citando fra l’altro anche le 10.000 persone assunte in sanità, sugli ultimi tre anni, tra infermieri e medici. Anche per Petitti “con le nuove assunzioni si rafforza un contesto di sviluppo e si sviluppa il legame di fiducia e attenzione reciproca tra l’amministrazione e il suo personale”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»