Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Haiti non è un posto sicuro”: stop ai rimpatri, i migranti potranno restare negli Usa

haiti
Sono circa centomila gli haitiani che potranno restare negli Stati Uniti per diciotto mesi senza timore di essere rimpatriati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Gli Stati Uniti hanno annunciato un blocco di 18 mesi alle deportazioni dei cittadini haitiani residenti nel Paese, perché l’isola caraibica non sarebbe più una destinazione sicura verso la quale fare ritorno. Ad annunciarlo è stato il segretario alla Sicurezza, Alejandro Majorkas. La misura, stando agli attivisti della comunità haitiana negli Stati Uniti, riguarderà circa 100mila migranti dell’isola.

In un comunicato, Majorkas ha reso noto che Haiti è stata nuovamente designata eleggibile per il Temporary Protected Status (Tps) per 18 mesi per tutti coloro che sono arrivati negli Stati Uniti entro il 21 maggio. Questo significa che i cittadini haitiani che soddisfano i criteri necessari potranno fare richiesta per il documento che impedisce il rimpatrio e garantisce un permesso di residenza per lavoro.

Secondo l’amministrazione di Joe Biden, Haiti sta attraversando una fase caratterizzata da “seri problemi di sicurezza, proteste sociali, crescenti abusi dei diritti umani, povertà grave e una mancanza di risorse di base peggiorata ulteriormente dalla pandemia di Covid-19″. Per questo il Paese non potrebbe essere considerato sicuro per i rimpatri.
La decisione di Washington, si legge sul quotidiano online della diaspora The Haitian Times, è stata accolta con favore dagli attivisti del Paese, che chiedevano la reintroduzione del Tps per l’isola da quando l’ex presidente Donald Trump lo aveva revocato nel 2019.

“Oltre 100mila famiglie di haitiani e i loro bambini potranno dormire tranquilli questa notte e tutto questo non ha prezzo” ha detto al quotidiano Miami Herald l’attivista Marleine Bastien. Ad Haiti va avanti ormai da mesi una mobilitazione popolare per richiedere le dimissioni del presidente Jovenel Moïse, che governa da decreto dal gennaio 2020, mentre si moltiplicano i casi di rapimenti lampo di civili e di omicidi a opera di bande criminali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»