VIDEO | Coronavirus, ‘Fatece er tampone’: da Roma l’appello dei piccoli giocatori

L'appello e' di un gruppo di giovanissimi calciatori romani, ma che trovera' d'accordo pure quelli di altre regioni perche', tra le altre cose, il calcio, anche quello minore, e' fermo in tutta Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://vimeo.com/411077455

ROMA – “Vojo gioca’ a pallone, fateci er tampone“. Una maglia, un paio di calzoncini e l’immancabile pallone. Tra le mani, tra i piedi o nel borsone, l’importante che ci sia. L’appello e’ di un gruppo di giovanissimi calciatori romani, ma che trovera’ d’accordo pure quelli di altre regioni perche’, tra le altre cose, il calcio, anche quello minore, e’ fermo in tutta Italia. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Spadafora: “Ripresa graduale dello sport, inizierà con gli allenamenti”

L’appello e’ finito in un video, un collage di giovanissimi calciatori desiderosi di tornare a giocare sui campi di periferia, che circola sui social. In questi giorni il campionato di serie A di calcio sta decidendo quando e come ripartire. Si parla di protocolli da seguire, di sicurezza massima per tutti quelli che scenderanno in campo e per chi sara’ a contatto con loro. Per forza di cose, quindi, servira’ il ricorso a test sierologici e, soprattutto, agli ormai famosissimi tamponi. Che vorrebbero fossero usati anche per loro proprio i piccoli calciatori romani protagonisti del video: “Non c’e’ differenza di categoria tantomeno su una pandemia…– si legge, a supporto del video- Se riprende la serie A anche noi vogliamo gioca’.. Allora fatece a tutti er tampone, abbiamo diritto anche noi di giocare a pallone“. 

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»