Coronavirus, Spadafora: “Ripresa graduale dello sport, inizierà con gli allenamenti”

calcio
ROMA - "Ho inviato nei giorni scorsi al Coni e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho inviato nei giorni scorsi al Coni e al Cip una lettera per chiedere che tutte le Federazioni esprimano in che modo possano applicare protocolli sanitari per poter riprendere le attivita’ sportive in sicurezza. Proprio venerdi’ ricevero’ gli esiti di questo lavoro” mentre “oggi incontrero’ tutti i rappresentanti del mondo del calcio. Tutti questi lavori che stiamo facendo ci consentiranno di valutare prima del 4 maggio se saremo o meno in grado di riaprire, e cosa”. Cosi’ il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, rispondendo al Question time al Senato.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’Assemblea della Lega Serie A unanime: “Terminare la stagione”

“Dobbiamo essere consapevoli che dobbiamo riaprire perche’ lo sport e’ importante non solo come valore economico ma come valore sociale. Lo dobbiamo fare pero’ nel rispetto assoluto della salute di tutti: quindi gradualmente potremmo pensare di riaprire sicuramente tutta la parte che riguarda gli allenamenti- ha specificato il ministro- Per quanto riguarda i campionati e l’attivita’ motoria all’aperto valuteremo insieme al Comitato tecnico scientifico e alla Protezione civile, consapevoli che questa ripartenza va assolutamente spinta ma va tutelata la salute degli italiani”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»