Il centro di Bologna si riempie di foto per festeggiare Lucio Dalla

lucio dalla
Il 4 marzo il cantautore avrebbe compiuto 78 anni. A quasi nove anni dalla scomparsa, la sua città lo celebra con tre gigantografie, poster nelle vetrine e proiezioni con colonna sonora ad hoc
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Geniale, imperdibile, visionario. Sono i tre aggettivi scelti per descrivere Lucio Dalla, celebre cantautore bolognese scomparso quasi nove anni fa (l’1 marzo) e che la prossima settimana sarà ricordato in grande stile dalla ‘sua’ città che, nonostante le limitazioni imposte per evitare la diffusione del coronavirus, ha scelto di festeggiare comunque il compleanno di Dalla. In vista del 4 marzo dunque, giorno in cui il cantautore avrebbe compiuto 78 anni, sarà possibile “incontrare Lucio in giro per Bologna”, grazie all’affissione di tre grandi fotografie per le vie del centro.

Gli scatti, trasformati in grandi manifesti che saranno anche affissi alle vetrine degli esercenti del comitato Via D’Azeglio Pedonale e aderenti all’iniziativa, “ne restituiscono una versione inedita e sorprendente in grado di cogliere l’essenza del suo spirito geniale, ribelle, divertito e divertente”, spiega Emanuela Sponza, presidente del comitato tecnico Fondazione Lucio Dalla. Grazie alla partecipazione di Galleria Cavour poi, le immagini di Lucio Dalla saranno anche proiettate su un maxi schermo fisso nella galleria dello shopping di ‘lusso’ sotto le Due Torri, con le canzoni di Dalla come colonna sonora delle passeggiate. Queste “potrebbero essere le mie ultime parole come assessore alla Cultura in una conferenza stampa in presenza e voglio spenderle per la Fondazione Lucio Dalla- dice l’assessore Matteo Lepore– credo che dopo diversi tentativi siamo riusciti a costruire insieme un progetto come città, anche dedicato ai giovani e alle loro proposte in maniera poetica”.

Oltre alle foto infatti, il 4 marzo sarà disponibile anche il documentario ‘Lucio Dalla e Massimo Osti. La Bologna creativa degli anni Settanta e Ottanta e i suoi protagonisti”, realizzato tra la Casa di Lucio Dalla e il Massimo Osti Archive, e che ha dato vita ad una residenza artistica alla quale hanno partecipato giovani studenti del Dams di Bologna e della Nuova Accademia di Belle Arti (Naba) di Milano. Il progetto appunto, ha dato vita ad un documentario inedito che racconta l’amicizia tra il cantautore e Osti, designer e stilista bolognese che fondò anche C.P. Company, brand che quest’anno compie 50 anni e che si è sviluppato ‘artisticamente’ nello stesso contesto di Dalla.
Infine, giovedì 4 marzo alle 21 è in programma ‘Back to Futura’, ciclo di incontri nato dalla collaborazione tra la Fondazione e Incontri Esistenziali, durante i quali giovani cantautori emergenti si racconteranno al pubblico. L’evento è in collaborazione con Illumia, azienda italiana che opera nel mercato libero dell’energia elettrica e del gas naturale, che oggi ha ospitato anche la conferenza stampa dedicata agli eventi per Lucio Dalla.

LEGGI ANCHE: Presidio online dei lavoratori dello spettacolo : “Riaprire cinema e teatri? Fate presto”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»