Regionali, in Campania il Movimento 5 Stelle si ferma sotto il 10%

Alle regionali del 2015 raccolse il 17% delle preferenze, mentre alle politiche del 2018 i pentastellati si attestarono come primo partito superando il 50% dei voti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Il Movimento 5 Stelle si ferma sotto il 10 per cento in Campania. La candidata alla presidenza Valeria Ciarambino e la lista M5s si attestano (a 5.801 sezioni scrutinate su 5.827) al 9,9%.

In provincia di Napoli i pentastellati racimolano il 12,2%, il 14,3% nel capoluogo dove il voto e’ molto differenziato da quartiere a quartiere: si passa dal 6% di Chiaia e Posillipo al 21% di Secondigliano e Scampia. In provincia di Avellino il M5s raggiunge il 6,5%, a Benevento il 9,2, il 9,5 per cento a Caserta e il 6,1 a Salerno.

Tra i consiglieri regionali uscenti non saranno sicuramente rieletti Tommaso Malerba a Napoli e Vincenzo Viglione a Caserta. Alle regionali del 2015, la lista dei 5 Stelle raccolse il 17% delle preferenze, mentre alle politiche del 2018 i pentastellati si attestarono come primo partito superando il 50 per cento dei voti. M5s vincente anche nel 2019 con percentuali superiori al 30 per cento in occasione delle elezioni europee.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»