hamburger menu

Teatro di Roma, Rocca difende nomina De Fusco e chiede le dimissioni del presidente Siciliano

"Non è stata scelta una persona senza competenza. Il Comune ha annunciato ricorso, lo attendiamo serenamente"

Pubblicato:22-01-2024 19:13
Ultimo aggiornamento:23-01-2024 12:51
Canale: Cultura
Autore:
francesco rocca
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Il bando per la scelta del Dg del Teatro di Roma “era stato preparato dall’assessore alla Cultura del Comune, Miguel Gotor. Le persone che rispondevano ai requisiti scelti da Gotor sono state selezionate ed erano 42. Poi sono stati scelti i tre migliori curricula, secondo quei criteri, da una commissione indipendente. Non c’ero io, la Meloni, Mollicone o Sangiuliano. Non è stata scelta una persona senza competenza. Il Comune ha annunciato ricorso, lo attendiamo serenamente”. Così il presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca, nel corso di un dibattito su Metropolis, sul sito de La Repubblica, sulla nomina di Luca De Fusco come nuovo dg del Teatro di Roma.

LEGGI ANCHE: Teatro di Roma, Meloni: “Questo è il tempo del merito. Basta ‘amichetti’ del Pd”

“Io chiedo le dimissioni del presidente del Teatro di Roma, Francesco Siciliano. Parla di occupazione di poltrone ma oltre al film ‘Il figlio di Sandokan’ che ha fatto? Il dirigente del Pd! Non mi sembra che possiamo stare a parlare di occupazione quando il presidente ha questi meriti. Come si permette poi di dire che l’istituzione è stata stuprata? È lui il primo che si dovrebbe dimettere”.

Sull’argomento è tornato a parlare anche l’assessore capitolino alla Cultura Miguel Gotor, che ha tra l’altro smentito la ricostruzione del presidente Rocca. “E’ grave che la scelta del Dg del Teatro di Roma sia stata fatta in un incontro senza il presidente della stessa fondazione e senza la commissaria del Comune- ha spiegato- Non abbiamo nulla di personale nei riguardi di De Fusco ma chiediamo che, nell’interesse del Teatro di Roma, lui faccia un passo indietro. E’ impensabile che venga scelto un Dg contro la volontà del Comune di Roma. Domani, su questo, ci sarà un intervento ufficiale da parte dell’Assemblea Capitolina. Inoltre è falso che la manifestazione di interesse per il nuovo Dg è stata scritta da me. Lo ha
predisposto, come è corretto che sia, la commissaria del Teatro di Roma, Giovanna Marinelli. E ci sono decine di mail dove, doverosamente, sono messi in copia sia i rappresentanti dei Beni culturali che quelli della Regione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2024-01-23T12:51:24+01:00

Ti potrebbe interessare: