Regionali Liguria, Toti verso la riconferma con oltre il 50% dei voti

Il presidente uscente stacca il candidato della coalizione giallorossa, fermo sotto al 40%
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GENOVA – Partita finita in Liguria. Per il decision desk Quorum-YouTrend, Giovanni Toti si conferma governatore anche per i prossimi cinque anni, alla guida della coalizione di centrodestra

La prima proiezione di Swg per il Tg La7 confermava di fatto le previsioni degli exit poll per la Liguria. Con copertura del 5% e un errore statistico dell’1,88%, il governatore uscente Giovanni Toti era accreditato del 53,5% dei voti. Per il suo principale sfidante, il candidato giallorosso Ferruccio Sansa, il 39,5%. Terzo Aristide Fausto Massardo, candidato di Italia viva, con il 3,6%.

TOTI OLTRE 50% ANCHE PER PROIEZIONI TENCHÉ E OPINIO

Anche le prime proiezioni di Opinio per Rai e Tecne’ per Mediaset danno Giovanni Toti sempre piu’ vicino alla conferma per altri cinque anni alla presidenza della Regione Liguria. Per Opinio, su un campione del 7% dei voti, Toti viene dato al 52,9%, mentre Sansa dovrebbe fermarsi al 39%. Massardo sale al 4,9%, risultato che, se confermato anche come preferenze di lista, potrebbe dare ai renziani almeno un seggio del prossimo consiglio regionale. Al 2% sarebbe, invece, il dissidente leghista Giacomo Chiappori. Per quanto riguarda Tecne’, copertura al 2% e margine di errore del 3%: Toti e’ accreditato del 52,2%, con Sansa che arriverebbe al 41,4% e Massardo al 3,8%.

REGIONALI LIGURIA. NEL PRIMO COMUNE SCRUTINATO, A TOTI 83,33%

E’ il comune di Testico, in provincia di Savona, il primo a completare le operazioni di scrutinio per le elezioni regionali in Liguria. Vince Giovanni Toti (centrodestra) con 70 voti (83,33%), contro i 10 di Ferruccio Sansa (centrosinistra-M5s), due voti anche per l’animalista Riccardo Benetti e uno a testa per il dissidente leghista Giacomo Chiappori e il candidato del Popolo della famiglia, Gaetano Russo.

REGIONALI LIGURIA. AFFLUENZA SUPERIORE A CINQUE ANNI FA: 53,46%

Il coronavirus non ha spaventato gli elettori liguri. Per votare i nuovi presidente della giunta e consiglio regionale, nei 234 Comuni liguri si e’ recato alle urne il 53,46% degli aventi diritto, percentuale addirittura superiore a cinque anni fa, quando l’affluenza si fermo’ al 50,68%. Dati ufficiali, arrivati con lentezza a causa del Comune di Genova. In provincia di Genova ha votato il 53,51%, contro il 50,94 del 2015; in provincia di Imperia il 50,18% contro il 45,78%; in provincia della Spezia il 54,12% contro il 51,77%; in provincia di Savona il 55,28% contro il 52,70%. Affluenza superiore per il referendum, per cui ha votato il 59,15%, differenza dovuta principalmente ai residenti all’estero.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»