Liguria, la Gronda getta la coalizione giallorossa nel caos: Sansa smentisce la ministra De Micheli

Parlando del progetto della Gronda, questa mattina la ministra De Micheli aveva detto che il candidato presidente "è d'accordo". Ma Sansa tiene il punto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GENOVA – Caos nella coalizione giallorossa ligure dopo le affermazioni del ministro Paola De Micheli sul progetto della Gronda. La dem, stamattina, a margine di un convegno della Uil a Genova, ha detto che il progetto della Gronda è già fatto, approvato all’unanimità dal Parlamento e che il candidato giallorosso alla presidenza della Regione Liguria, Ferruccio Sansa, è d’accordo.

Ma il giornalista del “Fatto quotidiano” ha sempre sostenuto un progetto più light, appoggiato anche da sinistra e M5s e da parte del Pd locale. Progetto che prevede il solo raddoppio del tratto autostradale della A7 e non quello della A10.

E Sansa, nel pomeriggio, a un comizio nel quartiere genovese di Molassana, tiene il punto. “Abbiamo detto 55 volte che il nostro progetto di Gronda è soltanto quello iniziale, che parte con il raddoppio della A7”. Dissidi di colazione o incomprensioni da campagna elettorale? “Il ministro mi ha chiamato e mi ha detto: quello che è stato riportato dai siti e dalle agenzie non è vero“, assicura Sansa.

Anche se video e audio del mattino confermano le parole della dem. “Ci siamo capiti male- aggiunge Sansa- non so di cosa si sta parlando, non ho neanche sentito che cosa ha detto la ministra”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»