Esplosione a Rocca di Papa, è morto anche il sindaco. Salvini: “Merita medaglia al valor civile”

Emanuele Crestini è deceduto nella serata di ieri. Era rimasto a lungo nel luogo dell'incendio che ha devastato la sede del Comune
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il sindaco di Rocca di Papa, Emanuele Crestini, è deceduto. Nelle ultime ore le sue condizioni si erano aggravate a causa di una sopraggiunta crisi respiratoria e dal quadro derivante dalle infezioni delle lesioni riportate e dovute alla lunga permanenza nel luogo dell’incendio. A renderlo noto è la Asl Roma 2, che esprime “un sentimento di profondo cordoglio ai famigliari e tutta la comunità di Rocca di Papa”.

Crestini, rimasto coinvolto nell’esplosione nella sede del Comune di Rocca di Papa di qualche giorno fa, era ricoverato al centro grandi ustioni del Sant’Eugenio di Roma. Sale così a due il numero delle vittime dello scoppio: domenica scorsa era deceduto anche il delegato del sindaco Vincenzo Eleuteri.

LEGGI ANCHE VIDEO | Rocca di Papa, il racconto di un testimone: “Ho visto i mobili volare”

Rocca di Papa, rintracciati in Molise gli operai al lavoro prima dello scoppio: “Non siamo scappati”

SALVINI PROPONE MEDAGLIA D’ORO AL SINDACO-EROE

Si è preoccupato di far uscire tutte le persone dal Comune in fiamme, ma il suo eroismo gli è costato la vita: il sindaco di Rocca di Papa ha lottato ma nella notte è morto proprio per il troppo fumo inalato. Un pensiero commosso alla sua famiglia e a quella dell’altro dipendente comunale Vincenzo Eleuteri, deceduto cinque giorni fa (il 16 giugno)”, dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo la morte di Emanuele Crestini. E conclude: “Ritengo sia doverosa la medaglia d’oro al valor civile”.

I MESSAGGI DI CORDOGLIO

“La morte del sindaco di Rocca di Papa Emanuele Crestini è una tragedia- scrive in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti-. Il senso del dovere che lo ha sempre contraddistinto, l’attaccamento profondo alla comunità di cui è stato primo cittadino e la sua fedeltà alle istituzioni non saranno dimenticati. Crestini è un esempio di umanità. Alla famiglia e alla cittadinanza di Rocca di Papa vanno le mie più sentite condoglianze”. 

Il Dipartimento della Protezione Civile esprime “il più sentito cordoglio per la morte di Emanuele Crestini, sindaco di Rocca di Papa, coinvolto lo scorso 10 giugno nell’esplosione del Palazzo comunale. Nell’esprimere la propria vicinanza ai familiari, il Capo del Dipartimento, Angelo Borrelli, rinnova la stima e l‘apprezzamento per l’operato dei sindaci, prime autorità di protezione civile, che operano ogni giorno con dedizione e spesso tra molte difficoltà per aumentare la resilienza delle loro comunità”.

“Il sindaco di Rocca di Papa Emanuele Crestini non ce l’ha fatta. Era rimasto ferito nell’esplosione del palazzo comunale. Una notizia davvero triste. Roma abbraccia la sua famiglia e i suoi cittadini in questo momento di dolore”. Lo scrive, in un tweet, la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

“L’avvenuto decesso del sindaco di Rocca di Papa Emanuele Crestini ci addolora e ci colpisce profondamente. Ai familiari, agli amici e ai cittadini di Rocca di Papa esprimiamo vicinanza e le nostre condoglianze”, scrive in un comunicato il gruppo del Pd capitolino.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»