VIDEO | Rocca di Papa, il racconto di un testimone: “Ho visto i mobili volare”

Ricorda così quegli attimi interminabili, il consigliere comunale di Rocca Di Papa, Paolo Gatta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io dall’ufficio ho sentito solamente una deflagrazione e ho visto i mobili che volavano all’interno del corridoio. Uscendo poi ho visto una nube di fumo e ho sentito un caldo insopportabile, siamo scesi giù e abbiamo cercato di capire chi stesse più in difficoltà per aiutarlo”.

Ricorda così quegli attimi interminabili, il consigliere comunale di Rocca Di Papa, Paolo Gatta, che ha raccontato ad alcuni cronisti, i momenti dell’esplosione all’interno del palazzo del Municipio avvenuta in seguito a una fuga di gas questa mattina poco prima delle 12.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Rocca di Papa, esplosione nel palazzo del Comune: 8 feriti, anche un bambino

Gatta che non ha riportato ferite, a differenza di altri 5 suoi colleghi tra cui il sindaco e tre bambini, ha raccontato le fasi in cui, dopo l’esplosione, ha percorso le scale ed è uscito in strada soccorrendo man mano chi gli capitasse davanti.

“Abbiamo incontrato un delegato, lo abbiamo accompagnato fuori, però la maggior parte delle persone è riuscita ad uscire da sola. Ho provato tanta paura. Quello che generava la paura – spiega il consigliere comunale- era l’ansia di capire come stessero le persone insieme a me, gli altri nei piani inferiori, quanto fosse stata grande la deflagrazione e quanti danni avessero le persone. In quel momento c’è sicuramente la fretta, ma anche un attimo di esitazione per capire se fosse stata l’unica deflagrazione o ci fosse anche qualche altra cosa in corso. Sono una persona fortunata perché due minuti prima mi trovavo sulle scale dove le persone si sono ferite maggiormente”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»