Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’orso M49 si dirige verso Bolzano, Costa: “Non ammazzate Papillon”

L'orso più famoso del Trentino Alto- Adige continua la sua fuga
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – M49, l’orso più famoso d’Italia, continua la sua fuga. Dopo l’avvistamento dei giorni scorsi presso passo Oclini, nella provincia di Trento, dove M49 si è avvicinato a una roulotte, spaventando i due pastori che vi dormivano dentro, ora l’orso soprannominato Papillon, punta verso Bolzano. “Leggo che Papillon, cioè l’orso M49, si sarebbe definitivamente allontanato dalla provincia di Trento dove su di lui c’è un’ordinanza di cattura e abbattimento e si starebbe dirigendo in quella di Bolzano. Questa è una buona notizia se però la Provincia Autonoma di Bolzano non metterà a rischio la sua vita. Innanzitutto poi dobbiamo avere la certezza che l’orso di cui parlano sia proprio lui. Adesso invito la provincia di Bolzano a non creare allarmismi controproducenti. Mi aspetto, in un sano rapporto cordiale e istituzionale, di ricevere presto notizie dal presidente Arno Kompatscher per attivare Ispra che è e sarà sempre pronta ad affiancare il territorio con tutta la sua competenza e disponibilità. Invito pertanto a non emettere ordinanze che mettano in pericolo la vita di Papillon. Lasciamo parlare i tecnici e non le suggestioni. Io rinnovo il mio appello: non ammazzatelo”. Cosi’ il ministro dell’Ambiente Sergio Costa

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»