Ubriaca in mezzo strada con la figlia piccola, denunciata una 35enne a Bologna

La donna ha anche aggredito i carabinieri, che erano stati allertati dai passanti preoccupati per la bambina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Aveva bevuto un po’ troppo, e dopo aver litigato con il compagno girava in piena notte sotto la pioggia in mezzo alla strada, in via Rizzoli a Bologna, portando con sé la figlia di sei anni. Alcuni passanti hanno notato la scena e hanno immediatamente chiamato i Carabinieri, che una volta giunti sul posto prima hanno dovuto bloccarla usando lo spray al peperoncino, poi hanno portato lei e la bambina in ospedale per i controlli del caso, e alla fine l’hanno denunciata per resistenza e maltrattamenti.

Protagonista dell’episodio, avvenuto tra mezzanotte e l’1 nella notte tra domenica e lunedì, è una 35enne di origini calabresi, incensurata, che vive e lavora nel capoluogo emiliano. I passanti, vedendo che la donna era in stato confusionale, oltre a chiamare i Carabinieri si sono presi cura della bambina, che poi gli stessi militari hanno cercato di tranquillizzare quando sono arrivati in via Rizzoli. La madre, che è risultata avere un tasso alcolemico di 2,2 grammi per litro, quando ha visto la pattuglia del Nucleo radiomobile ha cercato di aggredire i Carabinieri con calci e pugni, motivo per cui contro di lei è stato usato lo spray al peperoncino. Dalla ricostruzione degli investigatori è emerso che la donna aveva passato la serata in un locale con il compagno, che non è il padre della bambina, e con altre persone, e poi aveva litigato con l’uomo e se ne era andata, portando con sé la figlia. Entrambe sono state portate in ospedale, e dagli esami è risultato che la bambina stava bene, a parte qualche linea di febbre. Ovviamente i Carabinieri hanno avvisato dell’accaduto la Procura dei minori e sono stati chiamati anche i Servizi sociali, ma al momento non sono stati presi provvedimenti. La bambina, infatti, è stata riaffidata alla madre dopo che la donna si è ripresa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»