La rete della solidarietà a Roma è SO.R.TE

Protagonista indiscussa dell'incontro la solidarieta' e i suoi mille volti come il progetto SmilingToys per i bambini ugandesi di Afron, Oncologia per l'Africa onlus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ stata una vera e propria staffetta della solidarieta’ quella che ieri sera, a Roma, ha animato la Sala della Protomoteca al Campidoglio. A fare gli onori di casa il presidente di SO.R.TE (Solidarieta’ romana sul territorio), Francesco de Crescenzo, che ha accolto i tanti volontari presenti sottolineando il valore anche simbolico della serata: “Dopo sei anni di attivita’ SO.R.TE presenta i propri progetti e quelli che porta avanti con tantissime altre realta’ con cui percorriamo le strade del terzo settore”. 

L’associazione e’ nata dagli ideali e dai progetti di giovanissimi che ancora oggi sono la sua anima: ragazzi e ragazze che hanno dai 16 ai 30 anni, indipendenti, autonomi, con forti legami con il territorio. Il presidente, a margine della conferenza, alla Dire ha ricordato “gli oltre 8 progetti che l’associazione ha in piedi”. 

Non e’ mancata la voce delle istituzioni con cui SO.R.TE ha costruito nel tempo legami, e alla serata hanno partecipato Chiara Colosimo, consigliera della Regione Lazio di Fratelli d’Italia; Teresa Maria Zotta, vicesindaco della Citta’ metropolitana, e il consigliere capitolino leghista Maurizio Politi. 

Protagonista indiscussa dell’incontro la solidarieta’ e i suoi mille volti: il kit per i senza dimora della Croce Rossa italiana; la riqualificazione delle aree verdi con Retake Roma; il rugby per il progetto ‘Autismo, sfida da vincere’ con U.S. Primavera Rugby e Afron, Oncologia per l’Africa onlus con il progetto SmilingToys per i bambini ugandesi. Una carrellata di tutte le attivita’di volontariato in cui SO.R.TE e’ in partnership con le diverse associazioni che hanno presentato il loro lavoro sul campo. La serata si e’conclusa con la presentazione di altri progetti direttamente curati da SO.R.TE.: il sostegno ai senza fissa dimora, il laboratorio teatrale e “il volontariato nelle case famiglia che- ha detto il presidente- resta la nostra essenza e una delle nostre attivita’ piu’ importanti”. 

Il finale e’ stato affidato al segretario Tommaso Buda che ha lanciato il progetto, portato avanti interamente con il 5xmille, che da’ seguito a quello iniziato nel settembre 2018, che “si chiama ‘Al tuo fianco’ ed e’ dedicato alle famiglie in grande difficolta’ economica. Va da settembre 2019 a luglio 2020, prevede di destinare piu di 30mila euro e l’aiuto sara’ erogato mediante tessere prepagate presso il supermercato prescelto secondo criteri Isee e altri, come il numero di minori o disabili. Ad oggi il progetto ha sostenuto 21 famiglie e 80 persone”. 

“La forza di SO.R.TE in questi sei anni sono stati i volontari, che nonostante le difficolta’ ci sono sempre stati. A loro- ha detto il giovane presidente- un grande ringraziamento”.

AFRON: GRAZIE A SO.R.TE FESTA ‘SMILINGTOYS’ PER BIMBI UGANDA

“Sette volontari, 12 valigie, 300 giocattoli e una grande festa all’Uganda Cancer Institute di Kampala”. E’ così che e’ nato SmilingToys, a febbraio 2018, dall’alleanza di SO.R.TE con Afron, oncologia per l’Africa onlus, invitata con altre associazioni, ieri sera a Roma, al Campidoglio, a presentare il progetto che vede l’onlus partner dell’associazione SO.R.TE. E’ stata la presidente Titti Andriani, a dicembre scorso medagliata dal presidente Sergio Mattarella come Ufficiale della Repubblica, davanti ad una numerosa platea, a presentare con i numeri della prima missione il progetto ‘SmilingToys’ per i piccoli pazienti ugandesi affetti dal linfoma di Burkitt e a spiegarne l’origine. 

Afron lavora in Uganda dal 2010 con la missione di aiutare la popolazione locale nella prevenzione oncologica, con particolare attenzione ai tumori femminili e a quelli pediatrici. Nel paese infatti e’ endemico il linfoma di Burkitt che guarisce completamente dopo 6 cicli di chemio, ma purtroppo l’accesso alle cure e’ difficoltoso e spesso inesistente. “Nel 2018- ha ricordato un’emozionata Titti- abbiamo salvato 15 bambini e dal 2016 lavoriamo anche in Rwanda”.

Come e’ nato SmilingToys e in cosa consiste? “Volevamo portare festa e spensieratezza- ha spiegato la presidente di Afron- ai bambini malati e ricoverati in ospedale e conoscevo SO.R.TE, quest’associazione animata da giovani volontari. Conoscevo Francesco, il presidente, tra i migliori amici di mio figlio”. Da un incontro casuale e’ nata una strada. Dopo il successo del primo SmilingToys “a febbraio 2019- ha ricordato ancora la presidente di Afron- le feste sono diventate due: una a Kampala e una al Lacor Hospital, con oltre 300 giocattoli, materiale didattico e libri grazie al contributo di SO.R.TE. E’ stato scelto un tema: Mickey Mouse, che e’ diventato un simbolo sulle t-shirt rosse, peluche da distribuire, trucchi colorati e non e’ mancata la merenda e la torta”. Mentre Titti Andriani ha ripercorso le tappe del progetto, in video sono andati gli scatti di una festa coloratissima nel bel mezzo di un ospedale, sul prato e tra gli stanzoni, con un bambino di nome Salomon, diventato il simbolo di una speranza, che, guarito dal linfoma, e’ tornato a correre spensierato. Cosi’ “SO.R.TE due anni fa, con Afron, ha guardato all’estero perche’ ognuno- ha concluso Francesco de Crescenzo- esprime la solidarieta’ a suo modo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»