Centri antiviolenza di Napoli senza fondi dal 2019, avanti con il volontariato

violenza_donne
"La frustrazione della mancanza dei fondi è di tutti. Bando c'è, ma manca l'approvazione del bilancio" spiega alla Dire Francesca Menna, assessora alle Pari opportunità del Comune di Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Si deve cercare di fare in modo che determinati servizi, che sono di emergenza, siano soggetti a procedure di acquisizione senza questi lunghi passaggi perché altrimenti tutto si ferma”. Così alla Dire Francesca Menna, assessora alle Pari opportunità del Comune di Napoli, commentando lo stallo dei fondi destinati ai centri antiviolenza comunali della città che non vengono sovvenzionati dal 31 dicembre 2019, scadenza dell’ultima assegnazione.

“La frustrazione della mancanza dei fondi – aggiunge – è di tutti. Nostra, ma anche della Regione con cui, attraverso la delegata Rosetta D’Amelio, c’è un’ottima interlocuzione”. Durante il lockdown e nei mesi successivi gli aggiudicatari dell’ultimo bando hanno continuato a rispondere, a titolo di volontariato, al numero di telefono dedicato all’emergenza, ma a lavorare sul territorio sono state anche e soprattutto le associazioni della rete storica dei centri antiviolenza di Napoli che alla Dire chiariscono di “essere le uniche a occuparsi delle donne che chiedono aiuto a partire dal primo agosto 2020″.

L’assessora comunale ricostruisce l’arrivo delle risorse spiegando che “la Regione Campania a maggio 2020 ci ha inviato per i centri d’ascolto 2mila euro” e che solo “a febbraio 2021 ce ne ha inviati altri 36mila”. E così il Comune di Napoli, ad un anno dalla scadenza dell’ultimo affidamento, ha indetto un nuovo bando “per un periodo di almeno 176 giorni di attività” e per un totale di 123.729,06 euro, per il solo cav centrale nella struttura di via Concezione a Montecalvario 26. La presentazione delle domande era aperta fino al 12 febbraio 2021, ma ad oggi l’aggiudicazione è impossibile perché “se non facciamo il nuovo bilancio previsionale – evidenzia Menna – non possiamo attribuire i fondi. Il 30 aprile dovremmo approvare il bilancio che poi andrà in Consiglio, ammesso che si riunisca. Solo dopo potremo concludere la procedura”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»