Covid-19, il fisioterapista respiratorio tra le figure chiave nella gestione del paziente

I temi al centro del seminario internazionale "Respiratory physiotherapists fighting Covid-19"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ridurre la fatica respiratoria dei pazienti con Covid.19, migliorare la gestione dei sintomi, ridurre la necessita’ di intubazione, aiutare il paziente a raggiungere l’autonomia rispetto alla ventilazione meccanica e ai supporti respiratori, aiutare la persona nella ripresa dell’autonomia nella vita quotidiana: questi sono solo alcuni dei macro-temi su cui il fisioterapista respiratorio “fa la differenza” e sui quali si e’ sviluppato nei giorni scorsi il seminario internazionale “Respiratory physiotherapists fighting Covid.19” organizzato dall’Associazione Riabilitatori dell’Insufficienza Respiratoria-ARIR, evento che ha visto la partecipazione di 800 specialisti di settore.

L’obiettivo dei responsabili scientifici dell’evento – Andrea Lanza (Vicepresidente ARIR, Equipe Fisioterapia Respiratoria, Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, Milano) ed Emilia Privitera (Consigliere ARIR, Fisioterapista, Dipartimento Professioni Sanitarie, Irccs Ca’ Granda-Ospedale Maggiore Policlinico, Milano) – era quello di condividere esperienze, strategie terapeutiche e modelli organizzativi per la gestione della Covid-19.

E le tre sessioni dell’evento – fisiopatologia ed approccio clinico al Covid.19, risposte ai quesiti clinici, aspetti organizzativi ed esperienze internazionali, sviluppate con 13 relazioni accademiche – hanno sottolineato un dato: il fisioterapista e’ stato coinvolto ovunque nella gestione dei casi da Sars.Cov.2, dalla gestione in pronto soccorso alle terapie intensive e subintensive, ma ha potuto offrire il massimo apporto laddove la sua figura era gia’ prevista presente nei team multidisciplinari.

Nei casi in cui questa non era gia’ prevista e’ stato necessario integrarli urgentemente all’interno dei gruppi di lavoro, per assicurare gli interventi precoci e indispensabili gia’ dalle prime fasi di cure intensive, ma anche per gestire formazioni “lampo”, sulla gestione delle strategie e dei presidi respiratori, dedicate ai colleghi ed ai professionisti sanitari non specializzati, contribuendo anche ad individuare e valutare tutti i tipi di apparecchiature (ventilatori, interfacce, sistemi di erogazione dell’ossigeno) piu’ utili per i pazienti.

Al centro del dibattito promosso da ARIR c’e’ stata una considerazione: la storia di questa pandemia ha ricordato il ruolo vitale della comunita’ scientifico-assistenziale. Tutti gli operatori sanitari sono membri a pieno titolo di questa comunita’ scientifica, ciascuno – intensivisti, pneumologi, fisioterapisti, con una visione privilegiata ed ognuno con il potenziale per acquisire e interpretare informazioni uniche e indispensabili per fare il quadro generale piu’ completo. “C’e’ molto da imparare da questa esperienza – hanno sottolineato i relatori – e tutto questo ci rendera’ piu’ pronti ad affrontare le sfide future, comprese quelle pertinenti alla fisioterapia ed alla riabilitazione polmonare”.

La conclusione del seminario e’ affidata alle parole di Andrea Lanza: “Ora, piu’ che mai, i fisioterapisti respiratori sono chiamati all’azione. Tuttavia, dobbiamo ampliare le nostre competenze per rispondere ai sempre nuovi bisogni di salute che si affermano anche in periodi emergenziali: per questo dobbiamo riscrivere i modelli organizzativi nei contesti acuti e rafforzare il nostro ruolo nella comunita’”.

E in giro per il mondo la “riscrittura” del modello di gestione dell’emergenza e’ gia’ in atto: non a caso in Brasile – ha sottolineato il prof Wellington Pereira Yamaguti, fisioterapista dell’Hospital Sirio-Libanes di San Paolo, il piu’ importante centro sanitario del SudAmerica – al termine della prima fase pandemica e’ stata emessa una direttiva sanitaria che include il fisioterapista in tutti i reparti di medicina intensiva, con l’indicazione della presenza di un fisioterapista ogni 6-10 letti. Anche il nostro Paese potrebbe uniformarsi a questa scelta lungimirante, per essere in grado di acquisire una preziosa risorsa strategica nella gestione abituale delle terapie intensive.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»