Insulti a Jole Santelli, Toti: “Parole disgustose da una docente, sanzioni severe”

Il comportamento è "vergognoso, non può insegnare ai giovani, non è un esempio", dice il governatore della Liguria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Interviene anche il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, sulla vicenda di Paola Castellaro, docente del Liceo statale Sandro Pertini e attivitista M5s, che giovedi’, dopo la morte della presidente della Regione Calabria, aveva esultato via social scrivendo “Evvai! Una mafiosa di meno!” in un post poi cancellato.

Su Facebook Toti scrive: “Con queste parole disgustose una militante grillina e insegnante in un liceo genovese ha commentato la triste scomparsa di Jole Santelli. Un commento vile che spero non rimanga impunito. Per fortuna, grazie all’indignazione di tutti, grillini inclusi, la scuola ha annunciato provvedimenti disciplinari e spero che vengano applicate sanzioni severe per un comportamento vergognoso e lontano dallo spirito dei liguri, che si sono dimostrati vicini ai cittadini della Calabria per la loro perdita. E lo sono anche oggi nel condannare fermamente questo gesto ignobile. Questa non è politica ma soprattutto questa persona non può insegnare ai giovani, che ora più che mai hanno bisogno di esempi e non di seminatori d’odio. Nessuno potrà infangare il nome di Jole, non lo permetteremo”.

LEGGI ANCHE: Il liceo Pertini di Genova censura la prof che ha insultato Santelli: “Ci saranno sanzioni”

Ieri il Ministero dell’Istruzione e l’Ufficio scolastico della Liguria hanno avviato verifiche sul caso. Il Liceo dove Castellaro insegna ha censurato il comporamento della docente annunciando provvedimenti disciplinari. E il caso è arrivato anche in Parlamento con una interrogazione urgente al ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina da parte della Lega, annunciata da Matteo Salvini.

LEGGI ANCHE: Altri post d’odio contro Jole Santelli, Forza Italia valuta interrogazione parlamentare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»