Altri post d’odio contro Jole Santelli, Forza Italia valuta interrogazione parlamentare

Il caso dell'attivista genovese del M5s non sembra essere isolato
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Non solo il post dell’attivista M5s e insegnante di Genova, Paola Castellaro. A esultare, incredibilmente, dopo la morte di Jole Santelli, presidente della Regione Calabria, ci sarebbero altri utenti di Facebook “probabilmente vicino al Movimento”. Lo dice all’Agenzia Dire, Mauro D’Attis, deputato pugliese di Forza Italia, spiegando di aver ricevuto degli screenshot di commenti “da profili anche in Puglia fatti ieri sera. Uno di loro Roberto La Sorsa sappiamo che è un’attivista 5 stelle. Stiamo verificando gli altri profili”.
Insomma, non si tratterebbe di un caso isolato quello di Genova. “Anche in Puglia abbiamo avuto segnalazioni- continua D’Attis. Le abbiamo raccolte se per caso poi ci sarà’ un’azione legale affidata agli avvocati ed eventualmente alle parti interessate. Noi come politici potremmo valutare un’interrogazione in Parlamento. Il problema è che non ho letto ancora una presa ufficiale dei 5 stelle. Credo che sia il segno dei tempi, probabilmente la coda di Movimenti che sono nati e cresciuti sulla base del sentimento d’odio e di invidia”.

LEGGI ANCHE: “Una mafiosa in meno” dopo morte Santelli, M5s: “Castellaro vergognosa, mai più candidata con noi”

Leggendo gli screenshot c’è n’è uno di Roberto La Sorsa, che sul suo profilo Facebook, sotto il nome, mette le 5 stelle e la scritta ‘Movimento 5 stelle’. Nei commenti inviati a D’Attis facendo gli screenshot, tale Roberto La Sorsa scrive: “Una pezza di merda in meno”. Un altro, Arsenio Paolo Valdo, alias Lupin Ermano, ha commentato: “Una fascista mafiosa in meno. Cio’ detto riposi in pace e si faccia perdonare da Dio”. Infine un terzo, Mario Bianchi che come sua foto profilo ha messo un’immagine del premier Giuseppe Conte, ha scritto: “Non è che sia una gran perdita pero'”.  Bisogna capire ovviamente se si tratta di profili Fake.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»