Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ventotene, sindaco: “Senza migranti la scuola chiuderà”

"Regione Lazio si è dimenticata di noi, Salvini non ci ha risposto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Voglio fare un appello alla Regione e soprattutto a Zingaretti: venga a trovarci sull’Isola e si renda conto dello spopolamento che stiamo subendo. La Regione Lazio si e’ dimenticata di noi, hanno deciso che dobbiamo morire cosi’. Se Ventotene si spopolera’ ancora di piu’, quei pochi esercizi commerciali rimasti chiuderanno e il destino dell’Isola sara’ quello di scomparire”. Cosi’ il sindaco di Ventotene Gerardo Santomauro ai microfoni della trasmissione “Un giorno daascoltare” condotta da Misa Urbano e Arianna Caramanti su Radio Cusano Campus. “Lo scorso anno avevo avanzato la proposta di accogliere sull’isola i migranti in modo da poterla finalmente vedere piena, soprattutto le mamme coi bambini, in modo tale che la scuola media potesse rimanere aperta, cosa che invece non e’ accaduta: molti abitanti di Ventotene hanno rifiutato la mia proposta e cosi’ attualmente la scuola media e’ chiusa. Le iscrizioni tuttavia sono ancora aperte fino al trenta settembre, termine ultimo, dopo di che anche la scuola media verra’ chiusa definitivamente e i ragazzi saranno costretti ad andare a Formia ogni giorno anche per la propria istruzione oltre che per i servizi di base, tra i quali l’ospedale. Avevo invitato a venirci a trovare anche Matteo Salvini che pero’ non ha nemmeno preso in considerazione la mia proposta e il mio modello di ripopolamento dell’Isola. Se si continua di questo passo a breve Ventotene scomparira’”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»