Il razzismo “esiste anche in Italia, non solo negli Usa”

Tolomelli (Cefa): "Giusto inginocchiarsi per George Floyd, ma abbiamo casi anche qui"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un messaggio antirazzista e l’idea di apertura, di comunità. Tutto nella massima sicurezza. Siamo al Pilastro, periferia di Bologna: è qui che la Onlus Cefa ha organizzato una serata evento, culminata nel concerto dell’ex Modena City Ramblers, Cisco, che ha fatto registrare il più classico tutto esaurito. Cefa è un’organizzazione non governativa che da 45 anni aiuta le comunità in Africa e America Latina a vincere fame e povertà attraverso l’agricoltura, l’istruzione e il lavoro.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Cisco torna live e fa ballare Bologna

Serata da tutto esaurito, biglietti venduti in poche ore, per un concerto in cui il pubblico ha cantato e ballato, dove possibile, rispettando rigorosamente distanze e indicazioni anti-coronavirus. “Il concerto di stasera fa parte di una iniziativa cofinanziata dalla Regione Emilia Romagna, insieme a Cefa e Mcl che si chiama ‘Tandem per l’integrazione’– spiega Andrea Tolomelli, Responsabile progetti Area Mediterraneo di Cefa, all’agenzia Dire- e l’idea è lavorare finché si possa in qualche maniera togliere quella patina di razzismo che continua a esserci nella società italiana. L’idea del concerto di Cisco è nata perché lui canta costantemente canzoni contro il razzismo, e l’idea è soprattutto immaginarsi che è giustissimo inginocchiarsi per George Floyd, ma le situazioni di razzismo che abbiamo in Italia sono costanti, quotidiane, e Aboubakar Soumahoro ce l’ha dimostrato. Il concerto nasce per dare un grido contro il razzismo, per raccontare che il razzismo in Italia esiste anche se ci immaginiamo che sia solo una cosa statunitense”.

Sul perché della scelta di Cisco, il rappresentante di Cefa spiega: “Con Cisco non è la prima volta che collaboriamo. Ci siamo già incontrati in altre occasioni. Le sue canzoni raccontano quello che noi vorremmo esprimere, come l’idea di tolleranza, razzismo e società aperta”.

Importante, poi, essere riusciti a portare tanta gente alla location scelta per il concerto: “Volevamo unire le due cose- continua- Il messaggio antirazzista al fatto che dobbiamo avere un’idea di apertura, di comunità, nella massima sicurezza“. Ha sottolineato, poi, l’importanza di “vivere in comunità, socialità, che non deve essere messa a rischio”. Organizzare un concerto significa anche dare un aiuto all’industria della musica, “formata da persone che lavorano quotidianamente. Il pubblico ha dato una grande risposta, c’è voglia delle persone di ascoltare musica dal vivo. È prevista anche una raccolta fondi. In alcuni paesi dove lavoriamo c’è un’emergenza enorme. In altri paesi i dati sono incerti. L’idea è quella di aiutare società di paesi terzi a crescere nonostante il covid-19″.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»