NEWS:

Maestri di sci premiati per i loro 30 anni di attività

Riconoscimento speciale per Attilio Ducly, classe 1933 e operativo fino allo scorso anno

Pubblicato:17-12-2023 12:18
Ultimo aggiornamento:17-12-2023 12:18
Autore:

FacebookLinkedIn

(DIRE – Notiziario Turismo e Sport) Aosta, 17 dic. – Trent’anni di attività. È, ogni anno, un traguardo che l’Associazione valdostana dei maestri di sci riconosce e, in occasione della sua assemblea annuale, premia le giacche rosse con 30 anni di carriera alle spalle con un attestato. Nei giorni scorsi al teatro Splendor di Aosta, in occasione dell’appuntamento 2023, sono stati celebrati i maestri che si sono diplomati maestri nel 1993 e che sono ancora in attività. Un premio speciale, per la costanza, la passione la determinazione, è stato consegnato dal presidente dei maestri, Beppe Cuc, ad Attilio Ducly, classe 1933 e in attività fino alla scorsa stagione. Per lo sci di fondo sono stati premiati Ferruccio Baudin, Andrea Nex, Federica Cortese, Andrea Persico, Walter De Rosso, Enrica Revel, Sonia Henriet e Paolo Riva. Per lo sci alpino, i premiati sono Elena Balduzzi, Claudio Colombo, Adriano Perrin, Andrea Battaglino, Ivan Cottino, Luca Rossi, Hans Berger, Valentina Dalmasso, Danilo Sandrono, Alexia Berlusconi, Michela Favre, Fabio Scipioni, Fabio Berthod, Giampaolo Iraci, Alessandra Simoni, Mauro Bieler, Nadyr Jacquin, Stefano Sirigu, Sabrina Brazzale, Marco Lambert, Zenaide Stévenin, Lorenzo Broglio, Roberto, Lombardo, Alessandro Tognetto, Paolo Broglio, Flavio Loreti, Roberto Truc, Andrea Buda, Lidio Lucianaz, Nicola Vicquéry, Stefano Buffa, Emanuele Mao, Claudio Vietti, Darix Burgay, Remo Marquis, Marco Visendaz, Paolo Capellazzi, Cristian Melloni, Jean-Paul Voyat, Caterina Caramello, Ileana Melloni, Siro Vuillermoz, Lorenzo Carrel, Riccardo Michiardi, Remo Zenerino, Stefano Carrel, Jean-Noël Origone, Cristina Zuretti, Luca Chatrian, Margherita Parini, Mauro Collomb e Christian Pelanda

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn