FOTO | A Colleferro fiaccolata per Willy: in migliaia lungo le strade

"Vogliamo intitolare a Willy il più grande parco pubblico della nostra città", ha detto il sindaco di Paliano, Domenico Alfieri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

COLLEFERRO (ROMA) – Le strade di Colleferro attorno alle 20 brulicano di persone. Si contano a decine, ma in realta’ sono migliaia. Camminano tra via Di Vittorio e via Latina, lungo la salita che porta al Parco del Castello, la villa cittadina. È da li’ che alle 20.30 in punto, tra centinaia di ragazzi silenziosi in maglietta bianca, parte la coreografia di luci per Willy Monteiro Duarte, il 21enne di Paliano ferocemente pestato a morte nella notte tra il 5 e il 6 settembre. Poco dopo il sindaco di Colleferro, Pierluigi Sanna, al fianco della famiglia del giovane, ai primi cittadini di Artena, Paliano e di altri paesi della zona, e alle consigliere regionali Marta Bonafoni ed Eleonora Mattia, da’ il via alla fiaccolata della cittadina in provincia di Roma in cui il ragazzo e’ stato ucciso.

In testa ci sono sempre loro: gli amici di Willy, che da giorni si fanno scudo del dolore con uno striscione che ritrae il suo sorriso e chiede giustizia. C’erano alla fiaccolata di Paliano, il 9 settembre, ai funerali celebrati da monsignor Mauro Parmeggiani, sabato 12, a testimoniare che il gesto del ragazzo, intervenuto in difesa di un amico, e’ quello di una comunita’ intera, sconvolta ma decisa a reagire alla violenza e a fare del coraggio di Willy un esempio per il Paese intero.

LEGGI ANCHE: ‘Sorriso e coraggio’, il murale per Willy all’Università Roma Tre

Il lungo abbraccio, silenzioso, attraversa a passo lento il cuore della citta’ per poco piu’ di un chilometro, passando per via Latina e corso Garibaldi, e si scioglie in un lungo applauso a largo Oberdan, il luogo del pestaggio, che da qualche giorno si e’ trasformato in uno stuolo di luci, disegni e fiori. Poi in piazza Italia, dal palco davanti al Comune, tuonano le parole di denuncia di uno dei compagni di scuola di Willy, scandite a qualche passo da sua sorella, Milena, e dal sindaco di Colleferro.

“Sono scioccato perche’ Willy non e’ morto, Willy e’ stato ammazzato– scandisce con la voce tremante- Non e’ stato ammazzato solo da quattro delinquenti, e’ stato ucciso anche da una societa’ che non si e’ posta come obiettivo primario l’insegnare la solidarieta’. Perche’ io credo che una societa’ in cui i proprietari dei locali cacciano la gente dai tavoli per fare sedere i mafiosetti della zona, gli fanno riservare un posto auto, dove le persone, quando questi criminali passano, abbassano lo sguardo, si girano dall’altra parte, facendo finta di non vedere, dove ognuno pensa solo al proprio tornaconto. Credo che in una societa’ cosi’ non ci stiamo impegnando abbastanza, non ci stiamo sforzando affinche’ situazioni come quelle in cui si e’ trovato Willy non si presentino, anzi, stiamo aiutando i criminali”. E continua duro: “Willy quella sera non doveva essere solo, doveva avere dietro noi a sostenerlo per fargli capire che cio’ che stava facendo non era solo giusto, ma anche normale. Ora Willy non c’e’ piu’, si e’ sacrificato. Facciamo in modo che il suo sacrificio non sia stato vano, che questa dura lezione venga ricordata sempre, per cambiare la nostra mentalita’ e per rendere il mondo un posto migliore per tutti”.

LEGGI ANCHE: Ex boss della banda della Magliana: “Omicidio Willy non è crimine fascista, ma ‘gomorrista’”

Te chiedo scusa a ma’” la poesia di Davide Leva, letta in una piazza gremita e commossa, e consegnata incorniciata a Milena, che poi col papa’, gli amici e il sindaco di Colleferro raggiunge il giardino di largo Oberdan, tra la fermata degli autobus e la caserma dei Carabinieri. “Continua a difenderci“, si legge li’ su un foglio, vicino alle candele. Uno dei tanti pensieri dedicati dalla comunita’ al ragazzino supereroe, in un’onda di solidarieta’ e di dolore che non si arresta.

SINDACO PALIANO: A WILLY INTITOLEREMO IL PIÙ GRANDE PARCO PUBBLICO

“Vogliamo intitolare a Willy il piu’ grande parco pubblico della nostra citta’, che poi tra l’altro e’ situato a pochi metri di distanza dalla sua casa, dove da bambino trascorreva intere giornate. Questo e’ il minimo che possiamo fare per Willy e per la sua famiglia”. Cosi’ il sindaco di Paliano, Domenico Alfieri, a margine della fiaccolata per Willy Monteiro Duarte che si e’ svolta stasera a Colleferro, la cittadina in provincia di Roma dove il 21enne e’ stato ucciso di botte nella notte tra il 5 e il 6 settembre. Un omicidio che ha scosso le comunita’ del territorio dove il ragazzo viveva e l’intero Paese per due motivi: “Perche’ era lui, Willy, per com’era fatto, un ragazzo solare, perbene, che aveva terminato gli studi da poco e coltivava il sogno di diventare chef- continua- Andava a lavorare e aiutava tutti gli amici, era sempre disponibile, una persona splendida, che conoscevano tutti. Il secondo motivo e’ che la nostra comunita’ non conosce sentimenti come la rabbia e la vendetta. È una comunita’ che e’ stata sempre aperta al dialogo al confronto, all’integrazione, all’ospitalita’. Adesso- sottolinea il primo cittadino del borgo ciociaro- Siamo scossi, ma supereremo, la comunita’ intera insieme alla famiglia, questo momento di grande dolore”. Per Alfieri, “l’insegnamento che da’ Willy a tutti noi, non solo a Paliano e a Colleferro, ma a tutta l’Italia, e’ che bisogna abbandonare quei sentimenti di cui parlavo prima, cioe’ la rabbia la violenza. Dobbiamo riscoprire altri sentimenti, come l’amore e l’amicizia, e, soprattutto, bisogna ripartire dalla famiglia. E bisogna ragionare veramente su quelle che sono le cause che in questo momento caratterizzano alcune parti della nostra societa’”. Per il sindaco di Paliano occorre “sedersi attorno a un tavolo, le istituzioni, le famiglie, i giovani, la chiesa, la scuola, e ragionare di cosa sta succedendo. E, dopo aver ragionato di cosa sta succedendo- conclude- anche proporre qualcosa per superare questo brutto periodo che sta passando la nostra societa’. Una classe dirigente all’altezza lo deve fare, oltre ad analizzare a condividere il dolore, deve anche proporre le soluzioni”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»