Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Africa, sovrapprezzo cacao per garantire reddito di sussistenza

Accordi vendita tra multinazionali e produttori ivoriani, ghanesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Primi accordi di vendita di cacao della Costa d’Avorio e del Ghana con l’aggiunta di un sovrapprezzo, equivalente a 400 dollari la tonnellata, che dovrebbe garantire un reddito di sussistenza ai contadini produttori.

Delle intese commerciali, relative al raccolto dell’annata 2020-2021, hanno riferito multinazionali come Cemoi, Sucden, Barry Callebaut, Cargill e Olam. Secondo responsabili del Consiglio ivoriano del caffe’ e del cacao (Ccc), citati dalla stampa internazionale, “i contratti per il 2020-2021 stanno suscitando interesse”.
Ghana e Costa d’Avorio producono all’incirca i due terzi del cacao mondiale ma a causa della volatilita’ delle quotazioni sui mercati i contadini, in maggioranza piccoli produttori, devono spesso accettare prezzi bassi.

I primi accordi con l’incremento di 400 dollari riguarderebbero tra le 20mila e le 25mila tonnellate. L’intesa e’ l’ultima di una serie motivate con la necessita’ di garantire condizioni piu’ eque che tengano in conto le necessita’ economiche e sociali dei contadini. Qualora i prezzi mondiali superassero i 2900 dollari la tonnellata, i 400 dollari aggiuntivi sarebbero accantonati in un fondo di stabilizzazione al quale attingere nelle fasi di ribasso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»