Africa, sovrapprezzo cacao per garantire reddito di sussistenza

Accordi vendita tra multinazionali e produttori ivoriani, ghanesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Primi accordi di vendita di cacao della Costa d’Avorio e del Ghana con l’aggiunta di un sovrapprezzo, equivalente a 400 dollari la tonnellata, che dovrebbe garantire un reddito di sussistenza ai contadini produttori.

Delle intese commerciali, relative al raccolto dell’annata 2020-2021, hanno riferito multinazionali come Cemoi, Sucden, Barry Callebaut, Cargill e Olam. Secondo responsabili del Consiglio ivoriano del caffe’ e del cacao (Ccc), citati dalla stampa internazionale, “i contratti per il 2020-2021 stanno suscitando interesse”.
Ghana e Costa d’Avorio producono all’incirca i due terzi del cacao mondiale ma a causa della volatilita’ delle quotazioni sui mercati i contadini, in maggioranza piccoli produttori, devono spesso accettare prezzi bassi.

I primi accordi con l’incremento di 400 dollari riguarderebbero tra le 20mila e le 25mila tonnellate. L’intesa e’ l’ultima di una serie motivate con la necessita’ di garantire condizioni piu’ eque che tengano in conto le necessita’ economiche e sociali dei contadini. Qualora i prezzi mondiali superassero i 2900 dollari la tonnellata, i 400 dollari aggiuntivi sarebbero accantonati in un fondo di stabilizzazione al quale attingere nelle fasi di ribasso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»