VIDEO | Migranti, il parroco di Sora: “Hanno telefonini e catenine, quali persecuzioni?”

Hanno scatenato polemiche le parole del parroco Don Donato Piacentini di Sora, in provincia di Frosinone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quali persecuzioni?”, “hanno cellulari e catenine d’oro”, “guardiamo la nostra città, la nostra patria”. Hanno scatenato polemiche le parole del parroco Don Donato Piacentini di Sora, in provincia di Frosinone, in occasione dell’omelia religiosa durante le celebrazioni per la festa di San Rocco.

Duro l’attacco ai migranti, come si sente nel video che circola sui social: “Quali persecuzioni? Guardiamo la nostra patria, alle persone che hanno bisogno qui a chi vive nella nostra comunità. Non bisogna andare sulle navi a soccorrere persone che hanno telefonini e catenine d’oro. Dice che vengono dalle persecuzioni, ma quali persecuzioni?”.

LEGGI ANCHE: L’affondo del Vescovo di Treviso: “C’è chi ringrazia la Madonna ma non ha il suo consenso”

Le parole del parroco hanno diviso i presenti, chi ha applaudito, chi ha fischiato e ha scelto di andarsene. Il video sta circolando sul web, con reazioni contrastanti, sui social, nei commenti.

C’è chi ha approvato le sue parole auspicandone la santità (“Santo Subito”), tirando un sospiro di sollievo (“Era ora, viva la verità”) o dando “piena solidarietà a Don Donato Piacentini, sacerdote da sempre in prima linea per l’aiuto ai più bisognosi”.

E c’è chi, invece, ha disapprovato: “Che schifo”, “ora passa con il piatto” e “spero che se ne occupi il suo datore di lavoro visto che il prete sta venendo meno al ruolo per il quale è stato assunto. Oltre al fatto che ha elencato un paio di beceri luoghi comuni”.

Ci sono poi dei siti di informazione locale, come Sora24, che hanno chiesto un’opinione ai propri lettori con dei sondaggi sui social: il 71% è d’accordo con il parroco.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»