Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, l’appello di Sant’Egidio: “Mancano le badanti, servono 50.000 visti”

"Servono visti per motivi di lavoro per assistenti familiari che purtroppo per i restringimenti previsti per gli immigrati sono diminuite"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Servono 50.000 visti per motivi di lavoro per assistenti familiari, le cosiddette badanti, di cui c’è molto bisogno e che purtroppo per i restringimenti previsti per gli immigrati sono diminuite. Ma le famiglie e gli anziani italiani le richiedono molto”. È quanto segnala Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio, a margine di un evento, a Roma, per la presentazione dei dati sugli anziani soli in Italia.

“Ho sollevato ieri al premier Giuseppe Conte la questione- continua Impagliazzo- Tra le varie proposte, oltre a quella di garantire il rinnovo del protocollo per i prossimi corridoi umanitari per i siriani e gli africani del Corno d’Africa, c’è anche quella di inserire nel decreto flussi, che speriamo venga fatto entro il 2019, non meno di 50mila visti per motivi di lavoro”.

“Le cosiddette badanti non vengono più- conclude il presidente di Sant’Egidio- e questo comporta un problema per gli anziani. Senza le badanti e senza l’assistenza domiciliare o senza la creazione di forme alternative di co-housing tra gli anziani con problemi (gli anziani che non possono piu stare a casa loro) c’è un tasso di mortalità in aumento in Italia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»