Panchina arcobaleno inaugurata a Melfi nella Giornata internazionale contro l’Omofobia

panchina arcobaleno_melfi
L'iniziativa, voluta dall'Arcigay Basilicata, è stata condivisa dall'amministrazione comunale che l'ha fatta installare in un'area che presto sarà il Parco dei diritti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Una panchina arcobaleno nella città di Melfi per la Giornata internazionale contro l’Omofobia. La cerimonia di inaugurazione si è svolta questa mattina in via Foggia a alla presenza della vicesindaca Giovanna Rufino, della presidente dell’Anpi di Melfi Anna Martino, della presidente dell’Agedo Antonella Giosa, della presidente dell’Arcigay Morena Rapolla, della Consigliera nazionale Arcigay Pia Ciminelli e di Antonio Simonetti dell’Usa Basilicata. L’iniziativa, voluta dall’Arcigay Basilicata per una panchina arcobaleno in ogni Comune lucano, è stata condivisa dall’amministrazione comunale approvando la delibera la proposta dei Giovani democratici per la realizzazione e l’installazione della panchina arcobaleno in un’area che presto sarà il Parco dei diritti.

“Il Comune è da sempre attento alle iniziative che promuovono la difesa dei diritti ed il contrasto all’omotransfobia – spiega la vicesindaca – in attuazione sostanziale del principio di uguaglianza e di inclusione tra i cittadini, contribuendo alla eliminazione delle differenze di razza, di credo religioso, di appartenenza politica, di orientamento sessuale o di identità di genere. Questa panchina, pertanto, vuole essere oggi un luogo di alto valore simbolico per la difesa dei diritti civili e la cultura della tolleranza e del rispetto verso il prossimo, valori di riferimento adottati dall’intera comunità di Melfi”. Per le associazioni presenti la panchina è anche un modo “per ribadire che l’approvazione del ddl Zan è una pietra che dobbiamo mettere in Italia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»