Whirlpool, Fiom: “Comportamento inaccettabile, governo intervenga”

"Scaricare lo stabilimento di Napoli vuol dire indebolire tutto il gruppo" dichiara Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Domani, venerdi’ 17 luglio, sara’ sciopero in tutti gli stabilimenti Whirlpool e saremo a Napoli sotto la Prefettura (piazza del Plebiscito) per ribadire al Governo che per noi esiste solo il piano A perche’ scaricare lo stabilimento partenopeo vuol dire indebolire tutto il gruppo“. Lo dichiara Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil e responsabile elettrodomestico, che continua: “Mentre l’azienda piange miseria e scarica sui lavoratori i costi, si permette di lanciare un costosissimo piano per dare parecchi soldi agli impiegati e ai dirigenti affinche’ si dimettano. Si parla di oltre 130mila euro per gli impiegati e molto di piu’ per i dirigenti. L’ennesimo schiaffo ai lavoratori di Napoli sotto il ricatto dei licenziamenti. Con questa operazione aggirano sfacciatamente il blocco dei licenziamenti. Quelle dimissioni oltretutto indebolirebbero ulteriormente il gruppo perche’ depotenziano la ricerca e sviluppo che per tutte le aziende rappresenta il volano che garantisce il futuro. Per la Fiom- conclude- questo e’ un comportamento dell’azienda e’ inaccettabile ed elusivo di un preciso provvedimento del Governo, al quale come sempre chiediamo di intervenire”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»