NEWS:

Sanremo 2024, il testo di “I p’ me, tu p’ te” di Geolier e il video con i protagonisti di Mare Fuori

Il rapper porta la sua Napoli sul palco dell'Ariston con un brano dal testo in dialetto

Pubblicato:11-02-2024 10:15
Ultimo aggiornamento:11-02-2024 10:49
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Tra le prime volte al Festival di Sanremo 2024 c’è quella di Geolier, il quale arriva all’Ariston tra i 30 BIG dopo un anno fenomenale e arriva secondo in classifica dietro ad Angelina Mango che ha incantato il teatro dell’Ariston con la sua ‘La noia’. Il suo album “Il coraggio dei bambini” ha collezionato a oggi ben 5 dischi di platino ed è ancora in tutte le classifiche.

Il videoclip ufficiale, diretto da Davide Vicari, ha come protagonisti Maria Esposito e Artem Tkatchuk di Mare Fuori, che interpretano rispettivamente Rosa Ricci e Pino, alle prese con un amore tossico e autodistruttivo.

Il rapper ha anche annunciato tre live allo stadio Diego Armando Maradona di Napoli, due delle quali sold out (21 giugno, 22 giugno sold out, 23 giugno sold out). A Sanremo ha partecipato con “I p’ me, tu p’ te”, brano nato con l’obiettivo di portare Napoli e la musica campana all’Ariston. Al secolo Emanuele Palumbo, il 23enne – nella serata delle cover – ha raccontato ancor di più la sua città con Gigi D’Alessio, Guè e Luchè con il medley “Strade”.


LEGGI ANCHE: Polemica sulla canzone di Geolier a Sanremo: “Non è in vero napoletano”. E gli correggono il testo

IL TESTO

Nuij simm doije stell ca stann precipitann
T stai vestenn consapevole ca tia spuglia
Pur o’mal c fa ben insiem io e te
Ciamm sprat e sta p semp insiem io e te
No no no comm s fa
No no no a t scurda
P mo no, no pozz fa
Si ng stiv t’era nvta
A felicità quant cost si e sord na ponn accatta
Agg sprecat tiemp a parla
Nun less pnzat maij
Ca all’inizij ra storij er gia a fin ra storij p nuij
O ciel c sta uardann
E quant chiov e pcchè
Se dispiaciut p me e p te
Piccio mo sta iniziann a chiovr
Simm duij estranei ca s’incontrano
E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu pe’te
Tu m’intrappl abbraccianm
Pur o riavl er n’angl
Comm m può ama si nun t’am
Comm può vula senz’al, no
È passat tantu tiemp ra l’ultima vot
Ramm natu poc e tiemp p l’ultima vot
No, no no no comm s fa
No no no a t scurda
P mo no, no pozz fa
Nun less pnzat maij
Ca all’inizij ra storij er gia a fin ra storij p nuij
O ciel c sta uardann
E quant chiov e pcchè
Se dispiaciut p me e p te
Piccio mo sta iniziann a chiovr
Simm duij estranei ca s’incontrano
E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
Sta nott e sul ra nostr,
Si vuo truann a lun a vac a piglia e ta port,
E pur si o facess tu nun fuss cuntent,
Vuliss te stell, vuless chiu tiemp cu te.
Piccio mo sta iniziann a chiovr
Simm duij estranei ca s’incontrano
E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy