Pasquinata di ‘Lucha y siesta’: “Il 20 ci staccano la luce”

Il collettivo che da 12 anni gestisce le attività e l'accoglienza della casa delle donne al Tuscolano, a Roma, denuncia la grave situazione che si è venuta a creare all'interno dello stabile
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Una nuova azione artistica nella mattinata del 16 febbraio per richiamare l’attenzione sulla situazione della casa delle donne Lucha y Siesta. Dopo le dichiarazioni della Regione Lazio sullo stanziamento di fondi per salvaguardare il progetto e la risposta della sindaca Raggi sull’acquisto a sua volta dello stabile, le attiviste tornano a parlare direttamente alla cittadinanza. Il collettivo Lucha y Siesta, che da 12 anni gestisce le attività e l’accoglienza della casa delle donne nel quartiere Tuscolano di Roma, denuncia la grave situazione che si è venuta a creare all’interno dello stabile, a causa della precarietà che ormai da mesi caratterizza la vita delle sue ospiti. “Il 20 febbraio è previsto il distacco delle utenze alla Casa delle Donne Lucha y Siesta– spiegano le attiviste-. Questo significa nel concreto che le donne, le bambine e i bambini resteranno senza luce e acqua. Questo è il volere di Atac spa, con il sostegno del Comune di Roma, nell’ambito della procedura di Concordato per evitare il fallimento della municipalizzata più indebitata d’Italia. È evidente che affrontare la violenza di genere è meno impellente e vale sicuramente meno di una quota misera in un debito milionario, o forse la violenza sulle donne è solo un buon argomento elettorale. In questi ultimi due mesi le donne di Lucha y Siesta sono state sottoposte a una pressione continua. Insieme – le attiviste, le operatrici e le donne in uscita dalla violenza – resistono allo svuotamento della Casa e alla ‘ricollocazione’ di chi vive a Lucha nel caso in cui ciò comporti un danno nel percorso di autonomia e restano vicine alle donne per le quali, invece, il tempo di una nuova casa è maturo. Tutto ciò nonostante la Regione Lazio abbia avviato le procedure per partecipare all’asta e acquistare l’immobile, con l’obiettivo di salvaguardare l’esperienza e il progetto complessivo costruito in più di un decennio. Si delinea una strada possibile e più fertile del muro opposto dal Comune ma ancora senza certezze”.

LEGGI ANCHE: Roma, Lucha y Siesta: “Immobile all’asta, ma lavoriamo per una soluzione”

La reazione delle attiviste è, ancora una volta, all’insegna della creatività. Sul solco della tradizione popolare romana delle ‘pasquinate‘, le statue parlanti di Roma questa volta indossano le maschere da luchadoras e prendono parola per dire la loro al Comune e ad ATAC SPA.

Ecco il testo della pasquinata:

C’è ‘na casa tra i palazzi 

Dove nascono le donne,

Ndo’ rinasce chi c’è annata

Pe’ ‘na storia sfortunata,

E pe’ scrive nella vita

La parola: liberata.

Sta casetta io l’ho vista,

M’arifiata, è ‘na conquista.

Nun te crede che so’ tante

St’isoletta è assai importante.

I sorrisi che c’ho visto,

Cori grossi e sangue misto,

La speranza è merce rara,

L’ignoranza… è tanto amara.

Qui, l’amore de chi resta,

Nella casa Lucha y Siesta,

E’ un tesoro condiviso,

E’ ‘na musica, ‘na festa.

E te scrive ste rimette

Chi te dice de nun smette,

De sperare nell’affetto,

De difenne st’angoletto.

Roma è lupa e pure mamma,

T’accarezza o te se magna;

Poi decide tra le mura

De nun crede alla paura.

S’arza er vento der tormento,

E me lascia un po’ sgomento,

Che sta sindaca romana

Cha c’ha chiuso la fontana,

E’ ‘na pupa ceca e sorda;

Co’ la vita gioca a corda.

Ma je dico a sta signora,

Che chi “lotta e se riposa”,

Con la forza rimediata,

Sta a riscrive la puntata.

Semo umani sant’Iddio,

Nun scordamo la bellezza,

La natura c’ha insegnato,

Chi se piega nun se spezza.”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»