Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In arrivo mozione di sfiducia al governo giapponese dai partiti di opposizione

Giappone
Nel frattempo nel Paese continuano a migliorare i dati sulla pandemia: oggi i contagi sono meno di mille, dato che non si registrava da marzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – È attesa già nella giornata di oggi la presentazione di una mozione di sfiducia nei confronti del governo, decisa ieri dai leader dei tre principali partiti di opposizione. Il passo in seguito al rifiuto da parte del premier Yoshihide Suga di prolungare di tre mesi, come da loro richiesto, la sessione ordinaria del Parlamento che si concluderà domani.

Si tratta della prima mozione di sfiducia contro un governo dal giugno del 2019.

“Siamo sorpresi di come il primo ministro non senta la necessità di garantire la piena operatività delle istituzioni in un momento così grave, per proteggere la vita e i mezzi di sussistenza delle persone colpite dalla più grande crisi dal dopoguerra”, ha dichiarato in conferenza stampa il leader del CDP (Partito democratico giapponese) Yukio Edano.

I CONTAGI DA COVID SONO MENO DI MILLE PER LA PRIMA VOLTA DA MARZO

Secondo il più recente bollettino ufficiale aggiornato a ieri diffuso dal ministero giapponese della Salute, in Giappone sono stati confermati 936 nuovi casi di infezione da coronavirus, per la prima volta sotto i 1.000 dal 22 marzo scorso.

A conferma del trend discendente dei contagi e del ripristino delle normali funzionalità del sistema sanitario nazionale, anche il numero dei pazienti gravi si è ridotto a 849, mentre i decessi sono stati 60.

Le autorità metropolitane della capitale Tokyo hanno confermato 209 nuovi casi e 46 pazienti ricoverati in terapia intensiva, dato incoraggiante a poco più di un mese dall’inizio dei giochi olimpici.

A KAWASAKI CONGELATORE GUASTO: PERSE OLTRE 6MILA DOSI DI PFIZER

Il governo municipale del Comune di Kawasaki, situato a pochi chilometri a sud di Tokyo, ha dichiarato di aver perduto 6.396 dosi di vaccino Pfizer contro il CoViD-19 a causa della cattiva refrigerazione dovuta ad un guasto ad un congelatore.

Si tratta del secondo caso (il primo era accaduto appena lo scorso 29 maggio) in cui il comune si vede costretto ad eliminare scorte di vaccini a causa di cattiva manutenzione.

Le autorità locali hanno confermato la sostituzione del congelatore con uno nuovo e di essere al lavoro con il produttore per fare in modo che simili problemi non si ripetano, annunciando la decisione di creare uno stock di vaccini per i casi di emergenza.

IL GOVERNO VACCINERÀ POLIZIA E FUNZIONARI NEL MEGA CENTRO DI TOKYO

Il mega centro allestito a Tokyo per vaccinare oltre 10 mila residenti ogni giorno, gestito dalle Forze di autodifesa, inizierà a partire da oggi fino al 27 giugno a vaccinare personale della Polizia, delle stesse Forze di autodifesa, dei Vigili del fuoco e della Guardia costiera.

Il provvedimento è stato deciso dal governo per sfruttare al massimo la capacità del centro che, seppur destinato in questa fase prevalentemente alla vaccinazione degli over 65, nel periodo suddetto avrà oltre il 60% degli slot vacanti a causa delle poche prenotazioni confermate da parte della popolazione.

“Sfrutteremo le capacità del centro garantendo, in via temporanea, i vaccini ai funzionari pubblici, in modo da utilizzare al meglio le risorse a disposizione senza sprecare tempo prezioso. Il ministero della Difesa sta attualmente vagliando le misure adatte a gestire questa operazione e a ripeterla anche in futuro qualora il centro non dovesse lavorare al pieno delle sue capacità”, ha dichiarato il capo segretario di gabinetto e portavoce del governo Katsunobu Kato in conferenza stampa.

LEGGI ANCHE: Olimpiadi, da Milano a Tokyo in vespa: “Messaggio di ripartenza”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»