Barcone di migranti scomparso, parlamentari di maggioranza a Conte: “Pretendiamo spiegazioni”

Il barcone con 55 persone a bordo è scomparso tra Lampedusa e Malta, la Gua
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Da ieri non si hanno piu’ notizie delle 55 persone che si trovavano su un gommone tra Malta e Lampedusa. Nessuna versione ufficiale da parte delle autorita’ italiane e maltesi su cosa e’ accaduto. C’e’ stato un naufragio? Sono state soccorse? Da chi? Sono state deportate illegalmente in Libia? ” Lo chiedono in un nuovo appello al premier Conte parlamentari aderenti ai gruppi parlamentari Pd, Leu, Italia Viva, Misto, M5S e +Europa.

“Sappiamo- proseguono i parlamentari- grazie al preziosissimo lavoro di monitoraggio di Ong come Alarm Phone, Mediterranea, Sea Watch e SMH che queste persone erano li’, che una nave portoghese li ha intercettati e non li ha soccorsi, che ieri dopo 3 giorni la Guardia Costiera italiana ha perlustrato la zona senza trovare traccia del gommone“.

Ora, pero’, “temiamo il peggio: che si sia consumata un’altra strage sotto i nostri occhi. Pretendiamo che le autorita’ italiane e maltesi- conclude l’appello- forniscano una versione ufficiale e rendano pubbliche tutte le informazioni sul caso.”

Ecco la lista dei firmatari. Parlamentari europei: Pietro Bartolo, Pierfrancesco Majorino, Massimiliano Smeriglio. Deputati/e: Enza Bruno Bossio, Laura Boldrini, Vittoria Casa, Lorenzo Fioramonti, Nicola Fratoianni, Alessandro Fusacchia, Paolo Lattanzio, Riccardo Magi, Gennaro Migliore, Rossella Muroni, Matteo Orfini, Erasmo Palazzotto, Luca Pastorino, Giuditta Pini, Fausto Raciti, Luca Rizzo Nervo, Doriana Sarli, Giorgio Trizzino, Massimo Ungaro. Senatori/senatrici: Gregorio De Falco, Loredana De Petris, Davide Faraone, Elena Fattori, Francesco Laforgia, Paola Nugnes, Sandro Ruotolo, Francesco Verducci.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»