I medici di Roma: “Lazio rosso per comportamenti irresponsabili”

assembramenti roma
Il presidente dell'Ordine Magi si augura che arrivino "il prima possibile i vaccini per tutti quanti, per uscire da questa buia vicenda"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Temevo che sarebbe successo e ci siamo arrivati. Ora paghiamo le conseguenze dei nostri comportamenti irresponsabili di 14 e di 7 giorni fa, ma anche dell’ultimo weekend…”. Commenta così il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, interpellato dall’agenzia Dire in merito al primo giorno di Lazio ‘rosso’.

LEGGI ANCHE: Roma zona rossa: torna il lockdown, ma la città non si svuota

“Nella nostra regione- prosegue- stanno aumentando i casi di persone ricoverate, e in maniera importante anche le terapie intensive”.

Secondo Magi, dunque, non c’è neppure, eventualmente, la necessità di rivedere, come alcuni hanno chiesto, i criteri che hanno di fatto portato il Lazio in ‘lockdown‘: “Non è soltanto un fatto amministrativo o di Rt, ma una questione sanitaria, dobbiamo salvaguardare il Servizio sanitario nazionale. Oltre ai malati di Covid, peraltro, ci sono anche gli altri malati. Quindi dobbiamo mantenere aperte tutte le strutture, evitando di affollare gli ospedali e le terapie intensive, per evitare ovviamente anche i decessi”.

Magi si augura inoltre che arrivino “il prima possibile i vaccini per tutti quanti, per uscire da questa buia vicenda”. Sul futuro è ottimista: “Penso che nei prossimi mesi la situazione migliorerà, perché andiamo anche incontro alla bella stagione, con l’aumento della temperatura e con il caldo che ‘ferma’ i droplet. Ci sarà quindi anche una situazione più favorevole– conclude Magi- e il virus girerà di meno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»