Omicidio Cerciello Rega, la Procura chiede il processo per i due americani

Chiesto il giudizio immediato cautelarenei confronti di Finnegan Elder Lee e Christian Gabriel Natale Hjort per omicidio, tentata estorsione,lesioni e resistenza a pubblico ufficiale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Procura di Roma ha chiuso le indagini sull’omicidio, avvenuto lo scorso 26 luglio, del carabiniere Mario Cerciello Rega e ha chiesto il giudizio immediato cautelare nei confronti dei due ragazzi americani Finnegan Elder Lee e Christian Gabriel Natale Hjort per omicidio, tentata estorsione, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.

LEGGI ANCHE: Carabiniere ucciso, Gip: “Usato coltello marines da 18 cm, i ragazzi americani sono socialmente pericolosi”

La Procura ha sostanzialmente concluso anche le indagini sulla circostanza che vide Gabriel Christian Natale Hjorth bendato all’interno di una caserma dei Carabinieri e alla relativa foto che venne divulgata all’esterno attraverso whatsapp. I magistrati capitolini non hanno ancora redatto l’atto di chiusura indagini.

L’aggressione ai danni di Cerciello avvenne la notte del 26 luglio scorso in via Pietro Cossa, nel quartiere Prati. Il carabiniere, che si trovava li’ insieme al collega Andrea Varriale per recuperare una borsa sottratta poco prima al pusher Sergio Brugiatelli, venne colpito da 11 coltellate inferte da Elder Finnegan Lee. Sia Lee che Christan Gabriel Natale Hjort sono agli arresti nel carcere di Regina Coeli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»