Cerciello Rega, dopo la sentenza il sindaco di Somma Vesuviana annuncia: “Dedicheremo una scuola a Mario”

Lo dichiara Salvatore Di Sarno, primo cittadino del paese nel napoletano che ha dato le origini al carabiniere barbaramente assassinato a Roma il 26 luglio del 2019
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Cercheremo di intitolare una scuola a Mario Cerciello Rega. Ho provato a mettermi in contatto con la moglie Rosa Maria. Con Mario ci conoscevamo dal periodo dell’infanzia ed era una persona onesta. Ora i suoi assassini sono stati garantiti alla giustizia grazie alla magistratura che ha fatto un gran lavoro e anche in tempi rapidi. A dicembre 2019 volemmo piantare un melograno proprio dinanzi alla bandiera dell’Italia. Siamo stati sempre vicini alla famiglia, alla moglie. L’ultimo ricordo di Mario è quando venne da me per la promessa di matrimonio, un momento intenso che Mario volle condividere con me. Vorrei ricordare i tanti carabinieri, magistrati, esponenti dello Stato e delle forze dell’ordine che hanno dato la vita per la legalità o che rischiano ogni giorno la propria vita. Dedicare una scuola a Mario significherà dedicarla a tutti loro”. Lo ha dichiarato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana, paese del napoletano che ha dato le origini a Mario Cerciello Rega, carabiniere barbaramente assassinato a Roma il 26 luglio del 2019.

LEGGI ANCHE: Mario Cerciello Rega, il video della sentenza che ha condannato all’ergastolo Elder e Hjorth

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»