Vaccino, von der Leyen: “Accordo con Pfizer per altre 50 milioni di dosi”

ursula von der leyen_imagoeconomica
"L’Europa ha raggiunto il numero di 100 milioni di persone vaccinate contro il Covid-19, un traguardo di cui essere orgogliosi”, ha detto la presidente della Commissione europea
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Accordo con Pfizer per 50 milioni di dosi di vaccino anti-Covid aggiuntive a partire da questo mese. L’annuncio è della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, intervenuta in una conferenza stampa. Von der Leyen si è detta soddisfatta perché “l’Europa ha raggiunto il numero di 100 milioni di persone vaccinate contro il Covid-19, un traguardo di cui essere orgogliosi”. Di queste 100 milioni di vaccinazioni effettuate, “più di un quarto sono seconde dosi” e quindi, secondo la presidente della Commissione, “abbiamo più di 27 milioni di persone completamente vaccinate” contro il virus.

LEGGI ANCHE: Vaccino, in Danimarca stop ad AstraZeneca e Johnson & Johnson

Von der Leyen ha invitato però a non abbassare la guardia, perché “il Covid rimane una grave minaccia alla salute e alla vita delle persone”. Quella dell’Europa è “una corsa contro il tempo”, ha aggiunto la presidente della Commissione, concludendo: “Prima raggiungiamo l’obiettivo del 70% della popolazione adulta europea vaccinata e migliori saranno le possibilità di contenere il virus”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»