Il Pd a Contigliano, Zingaretti: “Non siamo subalterni al M5s”

Il segretario del Pd parla di un piano strategico per l'Italia in 5 punti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CONTIGLIANO – “Non siamo subalterni. La peggiore subalternita’ e’ quella di chi mutua giudizi dai nostri avversari”. Lo dice il segretario del Pd Nicola Zingaretti, chiudendo i lavori del seminario dem di Contigliano replicando alle parole di Matteo Orfini che a proposito dell’alleanza Pd- M5s, a Contigliano ha dichiarato: “Costruire una forza di centrosinistra insieme a una forza che di sinistra non e’, e’ un errore drammatico. E stiamo caricando troppo di aspettative questo governo”. “Stiamo incubando i virus di sulbaternita’– ha proseguito- piu’ che aprire a una nuova stagione politica. La doppia debolezza del governo e del Pd non e’ di buon auspicio per il governo e per la legislatura”, ha aggiunto.

LEGGI ANCHE: Pd, Orfini: “Drammatico errore coi 5 stelle, abbiamo il virus della subalternità”

ZINGARETTI: “AGGIUSTEREMO REDDITO CITTADINANZA, ANCHE PIU’ RISORSE”

Il reddito di cittadinanza e’ importante. Vogliamo metterci mano per aggiustarlo anche mettendoci piu’ risorse. Ma non sostituisce il grande tema delle politche per il lavoro”. 

ZINGARETTI: “PD UNICO BALUARDO PER COSTRUIRE UN PROGETTO PAESE”

“Siamo impegnati in Emilia e in Calabria accanto a due proposte straordinariamente forti e competitive. Ci sono centinaia di migliaia di uomini e donne che in queste regioni stanno combattendo a loro va il nostro abbraccio”. Zingaretti a Contigliano torna sulla campagna elettorale per le regionali e sulle trattative per le competizioni di primavera.

“Abbiamo chiuso in Toscana e in Puglia due buone operazioni politiche con candidati competitivi e unitari”, dice aggiungendo di augurarsi che “in Toscana si allarghi ancora di piu’ il fronte democratico progressista e ambientalista perche’ tutte le forze di questo campo sostengano una candidatura forte e competitiva”. Anche in Puglia, aggiunge, “siamo pronti a costruire un fronte largo. E stiamo lavorando nello stesso senso anche nelle altre regioni. Il Pd e’ l’unico baluardo, la grande forza politica attorno alla quale stiamo costruendo un grande progetto alternativo di sviluppo del Paese”.

ZINGARETTI: “L’ITALIA NON VUOLE PIU’ PICCONI, NON ODIO MA PASSIONE”

“L’Italia non ha bisogno di picconi, non ha piu’ bisogno di slogan ma di materiali green per ricostruire il futuro. Non piu’ odio ma passione”.

ZINGARETTI: “IL PROBLEMA E’ IL CONSENSO ATTORNO ALLE CRETINATE DI SALVINI”

“Il problema non sono gli slogan di Salvini perche’ in Italia qualcuno che diceva quelle cretinate c’e’ sempre stato dal dopoguerra. Ma il consenso che si organizza attorno”.

ZINGARETTI: “SERVE RIFORMISMO VICINO ALLE PERSONE, SERVE EMPATIA CON PAESE”

Serve “un riformismo che faccia crescere l’empatia del Pd con il Paese“, dice Nicola Zingaretti. “Non vogliamo tornare al passato, nessuno vuole tornare indietro. Non facciamo caricature tra di noi”, dice Zingaretti. Che aggiunge: “Ma non possiamo rimanere fermi”. Di fronte “all’enormita’ dei problemi”, con la crisi che attanaglia le persone che vengono lasciate sole, “la prima cosa da fare e’ capire ed essere vicini a quelle persone”, dice il leader dem.

ZINGARETTI A CONTE: “PIANO STRATEGICO PER L’ITALIA IN 5 OBIETTIVI”

“Propongo al governo un vero e proprio piano strategico per l’Italia fatto di 5 obiettivi politici e di misure concrete da attuare in questa legislatura: il primo obiettivo e’ la rivoluzione verde per tornare a crescere”, dichiara Zingaretti, che sull’Ilva aggiunge: “Dobbiamo trasformare il polo siderurgico in polo dell’economia verde e accettare la sfida di fare di Taranto la citta’ piu’ verde d’Europa”. Nell’obiettivo ‘green’ del piano Pd per il governo c’e’ “il totale efficientamento energetico di tutti gli edifici pubblici della repubblica italiana”, aggiunge.

ZINGARETTI: “SECONDO PILASTRO DEL NOSTRO PIANO LOTTA A BUROCRAZIA”

Il secondo pilastro del piano del Pd per il governo “e’ passare dall’Italia della burocrazia all’Italia semplice”, annuncia Nicola Zingaretti, che dice no “alla cultura subalterna all’impresa e alla cultura contro l’impresa. Noi dobbiamo coltivare la cultura pro-impresa”, dice.

ZINGARETTI: “GRANDE INVESTIMENTO PUBBLICO SULLA RIVOLUZIONE DIGITALE”

Nel secondo pilastro del piano Pd per il governo “c’e’ la rivoluzione digitale. Chiediamo un grande investimento pubblico: recuperare ritardi, sulle banche dati, costruire le reti a terra. Dobbiamo avere il coraggio di dire che non possiamo spingere il commissario europeo alla rivoluzione digitale e non avere nel nostro paese un grande gigante dell’Information technology”. 

ZINGARETTI: “FAREMO UN EQUITY ACT, CON COORDINAMENTO PICCOLI COMUNI”

“Serve un equity act“, dice Nicola Zingaretti illustrando il terzo obiettivo del piano del Pd per il governo. A cominciare dalla coesione sociale: “Anche a livello di partito dovremo costruire un coordinamento dei sindaci di comuni come meno di 5mila abitanti”, dice il leader dem.

ZINGARETTI: “SPESA PER ISTRUZIONE A LIVELLI OSCE, 500MILA ASSUNZIONI NELLA PA”

Il quarto obiettivo del piano Pd per il governo “e’ portare in 5 anni la spesa per istruzione ai livelli Osce. Ci saranno 500mila nuove assunzioni pubbliche per riempire lo stato di una nuova generazione di amministratori e tecnici”.

ZINGARETTI: “PIANO PER IL SOCIALE, AUMENTO IDENNITA’ D’ACCOMPAGNAMENTO”

Il quinto obiettivo del piano Pd per il governo e’ “un piano per la salute e per l’assistenza”, dice Nicola Zingaretti illustrando le “misure per cambiare l’Italia”. Tra le misure proposte c’e’ “l’aumento dell’indennita’ di accompagnamento, e una legge sulla non autosufficienza”.

RIFORME. ZINGARETTI: “DISPONIBILI A RAFFORZARE I POTERI DEL GOVERNO PER IL BIPOLARISMO”

“Il proporzionale al 5 per cento e’ un buon punto d’approdo. Ma siamo disponibili per rafforzare il bipolarismo ad andare anche oltre e rafforzare questo schema, puntando al rafforzamento dei poteri governativi. Non so con quale formula, forse il cancellierato”, dice Zingaretti affrontando in un passaggio della sua conclusione a Contigliano il tema della legge elettorale e delle riforme.

ZINGARETTI: “INCALZEREMO CONTE CON PROPOSTE DEM, GRUPPI LE ATTUERANNO”

“Incalzeremo il governo, trasmettendo al presidente Conte questi contenuti. I gruppi parlamentari saranno impegnati a sostenere queste battaglie e il Pd le fara’ vivere nel paese. A questo serve un partito piu’ unito con una vocazione unitaria e uno spirito solidale che e’ un grande valore per questo paese”. Con queste parole il segretario del Pd Nicola Zingaretti conclude i lavori del seminario dem di Contigliano.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»