NEWS:

Automobilisti ‘avvisati’: torna il cambio gomme di stagione

Torna l'obbligo di cambio gomme per l'inverno. E si rischiano sanzioni, ma si evitano viaggiando con le catene a bordo

Pubblicato:13-11-2023 18:07
Ultimo aggiornamento:13-11-2023 18:07
Autore:

FacebookLinkedIn

BOLOGNA – Automobilisti di nuovo ‘avvisati’ in Emilia-Romagna: entro il 15 novembre, cioè entro dopodomani, occorre aver cambiato le gomme estive sostituendole con quelle invernali. E “ricordiamo che il cambio è un obbligo, salvo il mezzo abbia montato un set di gomme quattro stagioni o se le gomme montate abbiano un indice di velocità uguale o superiore a quello indicato dalla carta di circolazione. In alternativa occorre essere dotati di catene per evitare le sanzioni in caso di controllo”, segnala Mauro Sorbi, presidente dell’Osservatorio per l’educazione alla sicurezza stradale dell’Emilia-Romagna. Chi non si mette in regola rischia una sanzione amministrativa pecuniaria. Il cambio gomme stagionale per l’inverno va dal 15 novembre fino al 15 aprile 2024, con 30 giorni di deroga rispetto alle due date.

IL 10% DEGLI INCIDENTI È DOVUTO A CONDIZIONI NON OTTIMABILI DEI PNEUMATICI

“Il pneumatico invernale e quello estivo garantiscono una maggior tenuta dell’auto in base alle diverse condizioni atmosferiche stagionali. Poniamoci la domanda se affidare la nostra vita a un pneumatico sgonfio o usurato, perché è lapalissiano che le gomme sono l’unico punto di contatto tra la vettura e il suolo”, dice Sorbi, ricordando che, “ciononostante, la metà delle autovetture italiane circola con gli pneumatici sottogonfiati, il 12% con pneumatici visibilmente danneggiati e il 2,3% con pneumatici diversi da quelli indicati sulla carta di circolazione”. Altro dato “consolidato è che circa il 10% degli incidenti è imputabile a condizioni non ottimali dei pneumatici“. Dunque, sprona Sorbi, “garantiamo a noi e a tutti gli utenti della strada che incrociamo una maggior sicurezza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn