Circo Massimo aspetta Waters: il 14 luglio l’evento dell’estate

A Roma la musica dei Pink Floyd, senza dimenticare l'attualità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
waters2
waters3
waters4

ROMA – Molti lo aspettano al varco: “Pensi a cantare e non a fare politica”. Oppure: “Parla di neofascismo? E le sparate neonaziste che fa su Israele?”. Inevitabile. Quando Roger Waters si muove fa sempre discutere, storicamente. E oggi, sabato 14 luglio, portera’ a Roma, al Circo Massimo, ore 21.30, il suo ‘Us+Them’ tour, carico di accuse nei confronti del suo nemico storico, Donald Trump, ma pure di appelli, in questo caso alle nostre istituzioni, “a rimanere umani”.  Nel concerto di Lucca dell’11 luglio, infatti, aveva chiesto di restare “umani”, mentre i migranti “sono persone come noi, con i nostri stessi diritti e meritano il nostro rispetto, la nostra considerazione”.

Sui social si sono espressi pareri favorevoli e contrari

Ora arriva a Roma, c’e’ da giurarci che non perdera’ l’occasione per rilanciare il suo appello, probabilmente nel momento del bis, se confermata in scaletta, prima di eseguire Comfortably Numb, da The Wall. Sui social si sono espressi pareri favorevoli e contrari: questi ultimi hanno espressamente chiesto di non toccare argomenti politici. Difficile, pero’, che ascolti, del resto negli ultimi 50 anni, gia’ da quando era con i Pink Floyd, il ‘Genio creativo’ spesso si e’ sbilanciato su temi di questo tipo: con ‘The Final Cut’, quando critico’ la guerra delle Falkland e l’allora primo ministro britannico Margaret Thatcher;
con ‘Animals’, concept album anche questo critico, nei confronti delle condizioni socio-politiche del Regno Unito degli anni settanta.

Waters torna a Roma 5 anni dopo il maestoso concerto dello stadio Olimpico, quando porto’ in scena integralmente l’album The Wall

Questa volta, si tocchera’ molti ‘punti’ della discografia dell’epoca Pink Floyd, cantando pezzi tratti da ‘The Wall’, ‘Meddle’, ‘Wish You Were Here’, ‘The Dark Side Of The Moon’. E a poi pezzi (4 presumibilmente) tratti da ‘Is This the Life We Really Want?’, il suo quinto album da solista: tra questi, la piu’ che mai attuale ‘The Last Refugee’.

Sara’ un concerto da ‘Io c’ero’: al Circo Massimo e’ tutto pronto, il palco, enorme, e’ li’ da giorni, in queste ore si sta procedendo alla chiusura di vie limitrofe e alla deviazione del trasporto pubblico. Sara’ quasi un evento con la ‘E’ maiuscola a livello europeo. Tra effetti speciali, immagini, giochi di luce, lo spettacolo di Roma sara’ diverso rispetto alle altre date del tour di Waters, come successo solo a Londra e Lucca, in Europa, al Desert Trip, negli Usa, e a Citta’ del Messico lo scorso anno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»