VIDEO | “Auguri Francesco”, Merola chiama Guccini per una chiacchierata

Una telefonata a sorpresa per salutare il cantautore per i suoi 80 anni: "TI invito a pranzo sul Crescentone, ma solo io e te"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print






https://vimeo.com/428799580

BOLOGNA – Un invito a pranzo sul Crescentone (“Ma solo io e te che siamo facciamo già numero”), gli auguri e una chiacchierata per salutare il cantautore Francesco Guccini che domani compie 80 anni. Il sindaco di Bologna Virginio Merola ha deciso di chiamare Guccini e di fargli un saluto a sorpresa: una breve chiacchierata per sapere come il cantautore, che da anni vive sulle colline a Pavana, piccolo paese in provincia di Pistoia, sull’Appennino tosco-emiliano, ha passato la quarantena. “Stare due mesi chiusi a Pavana è diverso che stare due mesi chiusi in città”, dice Guccini.

“Grazie di quello che sei e di quello che fai, volevo dirti che ti siamo vicini come città”, dice Merola, che saluta Guccini e gli preannuncia un invito per un pranzo “appenninico-bolognese” insieme. Il cantautore racconta che l’osteria-trattoria ‘Mimmo’ gli ha portato a casa il pranzo qualche volta, c’è spazio per nominare gli ‘Spaghetti alla bolognese’ (che non esistono) e anche per un paio di titoli di Guccini, come ‘Bologna’ e ‘L’avvelenata’, su cui Merola scherza: “L’avevo tradotta l’avvelenata per me stesso come sindaco”. Poi aggiunge: “Sono arrivato alla tua stessa confusione, non serve a niente avvelenarsi”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Fra la via Emilia e il West, ecco vita e aneddoti di Guccini





Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»