VIDEO | ‘Lasciami andare’ di Mordini disponibile in digitale, intervista a Stefano Accorsi

Thriller-noir con Stefano Accorsi, Maya Sansa, Serena Rossi e Valeria Golino presentato alla 77esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – ‘Lasciami Andare’, di Stefano Mordini, presentato fuori concorso come film di chiusura alla settantasettesima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, con protagonisti Stefano Accorsi, Valeria Golino, Maya Sansa e Serena Rossi, e prodotto da Roberto Sessa, dal 21 gennaio 2021 è disponibile per l’acquisto in digitale su Amazon Prime Video, Apple Tv, Chili, Timvision, Google Play, YouTube, Rakuten Tv, PlayStation Store e Microsoft Film & TV. Dal 28 Gennaio il film sarà possibile noleggiarlo su Sky Primafila e Infinity.

DI COSA PARLA ‘LASCIAMI ANDARE’

Dopo ‘Gli Infedeli’, uscito su Netflix, Mordini torna dietro la macchina da presa per raccontare il percorso che l’essere umano intraprende per superare il dolore. E lo fa attraverso le vicende di Marco (interpretato da Stefano Accorsi), Clara (interpretata Maya Sansa), Anita (interpretata da Serena Rossi) e Perla (interpretata da Valeria Golino). Personaggi che inseguono l’amore tra dramma, thriller e noir. “Il film lavora sull’idea di cio’ che cerchiamo per superare un certo tipo di dolore cercando una speranza che dia continuita’ per non fermarsi”, ha spiegato Mordini durante la conferenza al lido di Venezia.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Venezia 77, Castellitto: “Dopo il fallimento è nato ‘I predatori’”

RECENSIONE | A Venezia 77 sbarca ‘Notturno’: estetica e umanità nel documentario di Rosi in Medio Oriente

Venezia 77, chi saranno i vincitori? Ecco i pronostici

Marco e Anita scoprono di aspettare un figlio. Finalmente un raggio di luce nella vita di Marco, messa duramente alla prova dal dolore per la scomparsa di Leo, il suo primogenito avuto con la prima moglie Clara. “Anita rappresenta la ripartenza. Non ha un passato difficile e doloroso come quello di Marco. Infatti, quando scopre di essere incinta mette davanti al personaggio interpretato da Accorsi una nuova paura: con un figlio in arrivo quello che e’ successo nel passato potrebbe riaccadere”, ha raccontato Rossi. “Tutti pensano alla morte, Anita- ha continuato- e’ l’unica che pensa alla vita”.

Improvvisamente, pero’, nella vita di Marco e della sua ex moglie irrompe Perla, la nuova proprietaria della casa in cui la coppia abitava fino al tragico incidente. La misteriosa donna, che sa ingannare l’apparenza, sostiene di avvertire costantemente una strana presenza e la voce di un bambino che tormenta sia lei che suo figlio. “Sono stata fin da subito interessata all’ambiguita’ e questo e’ un ruolo abbastanza nuovo per me perche’ raramente mi viene data la possibilita’ di interpretare parti del genere”, ha detto Golino. “Ho seguito molto Stefano, che non mi hai mai dato delle certezze. Infatti, in ogni scena- ha continuato l’attrice- cambiava le intenzioni del mio personaggio per non farla mai essere in un modo o in un altro”.

Con l’entrata in scena di Perla, Marco, un ingegnere razionale ed emotivo, si ritrova combattuto tra i legami del passato e un futuro ancora da scrivere con Anita. “Marco e’ un uomo che si aggrappa alla razionalita’ per cercare di andare avanti, e’ un uomo che con la forza di volonta’ cerca di uscire da un momento orribile della vita, come la perdita di un figlio. La sua razionalita’ non mi ha aiutato ad allontanarmi dall’emotivita’ ma a lottare contro qualcosa di piu’ grande di lui: il dolore e il mistero”, ha raccontato Accorsi.

(Ph Credits_La_Biennale_di_Venezia_-_Foto_ASAC__ph_Giorgio_Zucchiatti)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»