Niente Jova Beach Party a Pescara

Lo comunica il manager di Jovanotti, Maurizio Salvadori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESCARA – Niente da fare per il Jova Beach Party in Abruzzo. Dopo l’annullamento della tappa di Vasto i tanti fan (30000) di Jovanotti, che avevano già acquistato i biglietti, erano tornati a sperare quando l’assessore ai Grandi eventi, Alfredo Cremonese aveva prospettato la possibilità che l’evento potesse avere luogo a Pescara.

LEGGI ANCHE

Roberto Vecchioni canta “Bella Ciao” a Ovindoli, l’ira del sindaco: “Propaganda elettorale di bassissimo livello”

Questa mattina invece, è arrivato il definitivo no circa la fattibilità del Jova beach party a Pescara. Proprio mentre il sindaco Carlo Masci e l’assessore Cremonese erano a lavoro per attuare tutte le verifiche del caso, il manager di Jovanotti, Maurizio Salvadori, ha fatto sapere che “seppur la zona spiaggia della Madonnina può risultare idonea, esistono criticità logistiche non superabili che, unitamente alla vicinanza dell’area protetta del fratino, portano purtroppo ad escludere di poter suonare li”. Dispiaciuti per l’occasione che Pescara perde ma fermi sull’idea che l’evento debba comunque svolgersi in Abruzzo, Masci e Cremonese hanno dichiarato: “Abbiamo lavorato con entusiasmo ed impegno affinché la tanto attesa manifestazione potesse svolgersi nella nostra città, ma preso atto delle difficoltà, che in un sopralluogo di ieri, gli organizzatori hanno riscontrato e reputate insormontabili, facciamo presente che Pescara resta disponibile. Auguriamo che il Jova beach party trovi ancora spazio nella nostra regione e tifiamo per una città della nostra zona, ad esempio che si concretizzi a Montesilvano– sottolineano- contigua località balneare che potrebbe offrire aree più adeguate. Se così fosse, l’evento rappresenterebbe un primo emblematico passaggio della Grande Pescara. Noi metteremmo a disposizione– concludono sindaco e assessore – tutte le nostre potenzialità, per poter organizzare insieme una appropriata gestione del territorio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»