Grillo: “Virgì, Roma nun te merita. Annamo via da sta gente de fogna”

Con un componimento pubblicato sul suo blog, Beppe Grillo scrive un posto di sostegno a Virginia Raggi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Virgi’, Roma nun te merita“. Lo scrive su twitter Beppe Grillo, che pubblica sul suo blog un componimento con questo titolo, opera di Franco Ferrari, che il fondatore del M5s ringrazia.

Nel lungo sonetto, tra l’altro, si legge, “A Virgi’, pijia na valigia, tu fijio, tu marito, famme un fischio, che se n’annamo via da sta gente de fogna. Lassa perde. Nun te spormona’, sta a fa un bucio de culo, puro senza rubba’, e , chi te critica qua’, chi te critica la’, chi c’ha er pupo sur fo’co, e, jielo devi da tojie, e n’artra che se lamenta che nun je risponni, che nun la vai a senti’, che c’ha puro lei quarche cosa da lamentasse. E che cavolo! Se chiama Virginia, mica e’ la Madonna der Divino Amore! Quella, dice , che fa’ li miracoli”.

LEGGI ANCHE: Grillo omaggia Raggi e insulta i romani, ma la sindaca li difende: “Non sono gente de fogna”

E ancora: “Ve meritate Carraro, Signorello, Darida, Veltroni, Rutelli, Alemanno ! Marino. Da che so’ vivo e capiente, solo Petroselli era ben visto da tutti, ma, er Signore se lo prese de corsa, forse voleva mette a posto er paradiso. Tutto er resto, monnezza su monnezza, de persone, o de opere, e li buffi c’hanno invaso la citta’. Pe’ questo ve dico che l’onesti dovrebbero pija’ e valige, e, annassene, abbandona’ sta citta’ bella e zoccola. Si vincheno li vecchi partiti, se’te fottuti. Nun se fara’ piu’ gnente, e, si se fara’ quarcosa sara’ pe’ volere de la magistratura. Ma voi, godete a sputa’ in faccia a na sindaca pulita, e testarda, una che le cose le fa. Pensatece , c’avete undici mesi de tempo, pe’ pensacce bene”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»