hamburger menu

VIDEO | Domenica In, dopo Ghali e Dargen D’Amico interviene anche Levante

La cantautrice siciliana ha espresso il suo disaccordo su quanto avvenuto in puntata e sulla nota dell'ad Roberto Sergio letta da Mara Venier

Pubblicato:12-02-2024 13:49
Ultimo aggiornamento:12-02-2024 13:52
Canale: Spettacolo
Autore:
polemica domenica in levante
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Non si placa la polemica che ha investito la Rai da quando, ieri pomeriggio, nel corso di ‘Domenica In’, Mara Venier ha letto la nota dell’ad Roberto Sergio che esprimeva l’appoggio a Israele e alle vittime del sette ottobre. Parole, arrivate dopo gli interventi di Ghali e Dargen D’amico che nel corso della puntata e durante il Festival, hanno più volte ribadito la necessità di fermare la guerra e il genocidio.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2024, Ghali sul palco: “Stop al genocidio”. E all’ambasciatore israeliano dice: “Continua la politica del terrore”

LEGGI ANCHE: L’appello di Dargen D’Amico sul palco di Sanremo: “Cessate il fuoco”

Ad appoggiare le parole dei colleghi è stata anche Levante, che attraverso le storie di Instagram, ha espresso la sua opinione sul conflitto israelo-palestinese. “Ieri è successa una cosa un pò spiacevole, in tv davanti a milioni di telespettatori, ci si è scusati con un rappresentante dello Stato di Israele per aver espresso il desiderio di pace, per aver espresso il desiderio di fermare un genocidio che sta avvenendo tutti i giorni sotto i nostri occhi e di cui si parla secondo me e molti altri troppo poco. Quindi io no, non sono d’accordo”.

Poi, le parole di Levante si sono trasformate in un’esortazione ad esporsi rivolta agli altri artisti, perché sono ancora troppo pochi a farlo: “Io parlo e sapete come la penso e quante volte mi sono schierata, ma io chi sono? Giovanna D’arco? Dobbiamo parlare tutti, non so se mi spiego. Se un Ghali sale sul palco e dice ‘stop al genocidio’ se Dargen D’Amico sale sul palco e parla di temi importanti che ci riguardano tutte e tutti ma sono due, con me tre, dopodiché? Fanno tutti finta di niente“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2024-02-12T13:52:19+01:00