hamburger menu

“Solidarietà a Israele”: bufera su Mara Venier e ‘Domenica in’

La conduttrice ha letto un comunicato dell'ad Roberto Sergio, spiegando che era condiviso da tutti. Travolta dalle critiche

Pubblicato:12-02-2024 10:00
Ultimo aggiornamento:13-02-2024 17:42
Canale: Spettacolo
Autore:
protesta rai genova
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Bufera su Mara Venier. Ieri, nella puntata di ‘Domenica in’ dedicata al festival di Sanremo, la conduttrice ha letto un messaggio dell’amministratore delegato della Rai Roberto Sergio per esprimere vicinanza ad Israele e ha sottolineato che erano parole condivise da “tutti”. Sergio aveva inviato il messaggio in seguito ad alcuni passaggi della trasmissione, in cui Ghali si era esposto sul massacro in corso a Gaza ad opera di Israele e Dargen D’Amico aveva parlato di immigrazione, dopo aver apertamente chiesto il cessate il fuoco su Gaza.

“‘La mia solidarietà al popolo di Israele e alla Comunità ebraica è sentita e convinta’: queste sono le parole, che condividiamo tutti, del nostro amministratore delegato Roberto Sergio”, le parole pronunciate da Venier, dopo che sul palco dell’Ariston gli artisti avevano chiaramente chiesto lo “stop al genocidio”. Il comunicato di Sergio faceva anche riferimento alla strage del 7 ottobre ad opera di Hamas e agli ostaggi, sul massacro in corso a Gaza nessun commento.

LEGGI ANCHE: Ghali sul palco: “Stop al genocidio”. E all’ambasciatore israeliano dice: “Continua la politica del terrore”

GHALI: “NON È COMINCIATO TUTTO IL 7 OTTOBRE”

“E per cosa lo devo usare, il palco?”, ha replicato Ghali a chi gli riportava le critiche per aver parlato di genocidio sul palco dell’Ariston, “io ho sempre parlato di questo, non è dal 7 ottobre che succede quello che sta succedendo…questa cosa va avanti già da un po’“. Applausi per lui. “Continua questa politica del terrore, la gente ha paura di dire: ‘stop al genocidio’, perché stiamo vivendo in un momento in cui le persone sentono che vanno a perdere qualcosa se dicono ‘viva la pace'”. “Quei bambini che stanno morendo…chissà quante star, chissà quanti dottori, quanti insegnanti, quanti geni, ci sono lì in mezzo”, “Perché?“, chiede Ghali tra gli applausi.

DARGEN D’AMICO ZITTITO DA MARA VENIER

Dargen D’Amico, che già in gara all’Ariston aveva parlato della questione palestinese chiedendo il ‘cessate il fuoco’, aveva invece parlato di immigrazione, riflettendo su come l’Italia “si stia rimpicciolendo” e su come si parla poco del fatto che “la bilancia economica dell’immigrazione è in positivo. Quello che gli immigrati mettono nelle nostre casse per pagare le nostre pensioni è di più di quello che spendiamo per l’accoglienza“: Non solo. aveva anche detto: “In questo momento credo che ci sia qualcosa che non funziona nell’istinto umano, se non proteggiamo i bambini c’è qualcosa che non va”. L’esito, dopo un debutto pieno di affettuosità in cui Dargen D’Amico e Mara Venier si sono perfino scambiati un bacio, è che la conduttrice ha congedato rapidamente l’artista: “Siamo qui per parlare di musica. Sono temi importanti ma ci vuole il giusto tempo per approfondirli, non possiamo farlo in due parole”, ha detto Venier. A microfono ancora aperto, rivolta plausibilmente alla platea di giornalisti, ha invece chiesto: “Non mettetemi in difficoltà…”

LE CRITICHE SUI SOCIAL

Per questi due momenti, Venier è criticatissima. Le sue ultime pubblicazioni su Instagram hanno i commenti chiusi e così in tanti si riversano sui post precedenti per esprimere il loro dissenso rispetto alla gestione di temi così sensibili. “Che vergogna”, le scrivono, “Hanno più coraggio di te due giovani nel pieno della loro carriera”, “Lei signora che abbraccia, bacia, fa i complimenti a Ghali e poco dopo ha il vergognoso coraggio di leggere quelle parole neanche fossimo in un regime sudamericano. Le legga in suo nome, non nel mio, di grazia”, “Chissà cosa si prova a svendere la propria dignità”, “Venduta“, “Un gesto disgustoso”: i commenti sono centinaia, tutti dello stesso tenore. Inn tantissimi chiedono il “cessate il fuoco” e lo “stop al genocidio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2024-02-13T17:42:29+01:00