In Turchia armi ai vigilanti di quartiere. Le oppozioni: “Erdogan si crea milizia paramilitare”

Il parlamento turco ha approvato un disegno di legge che accorda ampi poteri ai "bekci", i "vigilanti di quartiere": saranno ora dotate di armi da fuoco e di poteri analoghi a quelli della polizia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La notte scorsa il parlamento turco ha approvato un disegno di legge che accorda ampi poteri ai “bekci”, i “vigilanti di quartiere”: fonti di stampa concordanti riferiscono che non meno di 28.000 persone in tutto il Paese saranno ora dotate di armi da fuoco e di poteri analoghi a quelli della polizia, tra cui la possibilità di fermare e ricercare i cittadini.

28.000 VIGILANTI DI QUARTIERE ARMATI

Il lavoro dei vigilanti di quartiere, una figura che esiste da decenni in Turchia, consiste nel pattugliare le strade di notte e di segnalare situazioni sospette o attività criminali alle forze dell’ordine, ma è la prima volta che vengono dotati di poteri così ampi.

IL FALLITO COLPO DI STATO DEL 2016

Le opposizioni hanno quindi duramente contestato l’iniziativa, accusando il presidente Racep Tayyip Erdogan di aver istituito “una milizia paramilitare leale al potere”. In aula, il dibattito tra favorevoli e contrari ha raggiunto toni molto accesi. I detrattori intravedono nella norma un ulteriore tentativo del presidente Erdogan di rafforzare i suoi poteri di controllo, a scapito dei diritti e della libertà fondamentali, un processo che sarebbe iniziato dopo il fallito colpo di stato del 2016.

ONG ARRESTED LAWYERS INITIATIVE: “È MILIZIA PARAMILITARE AL SOLDO DI ERDOGAN”

“Dal tentato golpe del 2016, il presidente Erdogan non si fida più di nessuno. Per questo ha sentito il bisogno di creare una forza armata composta da persone ignoranti ma fedeli. Dico ‘ignoranti’ perché ai vigilanti di quartiere, pur percependo un salario del 20 per cento più elevato di un insegnante, è richiesto solo il diploma di scuola superiore e non ricevono nessuna formazione specifica per il loro lavoro. Molti non sanno neanche come si maneggia un’arma e hanno provocato incidenti in cui cittadini sono rimasti feriti o uccisi”.

Ali Yildiz è un avvocato di origine turca residente a Bruxelles, membro dell’Ordine degli avvocati sia in Turchia che in Belgio, ma soprattutto è il presidente dell’Arrested Lawyers Initiative, una ong che denuncia arresti e persecuzioni a danno degli avvocati in Turchia e che in Italia gode del sostegno della Federazione italiana diritti umani (Fidu).

L’agenzia Dire lo ha contattato all’indomani dall’approvazione in parlamento di una legge che conferisce ai “Bekci”, i vigilanti di quartiere, poteri analoghi a quelli della polizia: potranno detenere armi da fuoco, fermare, arrestare e ricercare dei cittadini sospettati di atti illeciti. Ma per Yildiz, come per i partiti di opposizione e varie organizzazioni per i diritti umani, la legge punterebbe in realtà a istituire e legalizzare una milizia paramilitare al soldo del governo di Erdogan.

“I vigilanti ci sono sempre stati, erano un migliaio ed erano incaricati principalmente di proteggere edifici importanti” dice Yildiz. “Dopo il fallito colpo di stato dell’estate del 2016, però, il partito di Erdogan, l’Akp, ha iniziato ad assumerne sempre di più e ora sono oltre 28.000”.

Come riferisce il legale, qualche tempo fa un tribunale turco ha stabilito che i vigilanti non fossero autorizzati a chiedere l’identità dei cittadini. “Da quel giorno – avverte Yildiz – l’Akp ha presentato il disegno di legge per rafforzare i poteri dei Bekci”. Si è quindi arrivati all’approvazione in parlamento della legge, che per il presidente dell’Arrested Lawyers Initiative “viola i principi della nostra Costituzione”.

UN POLIZIOTTO OGNI 185 CITTADINI (IN EUROPA: 1 OGNI 314)

Resta poi il nodo della formazione: “Già in passato – dice Yildiz – i vigilanti hanno causato incidenti perché non sanno usare le armi e non conoscono le loro prerogative“. L’associazione che monitora la situazione degli avvocati ad esempio si è trovata a seguire il caso di Selim Burak Ozdemir, un legale che a settembre del 2019, a Trebisonda, è stato picchiato e ammanettato da due vigilanti.

“In Turchia ci sono 255.000 poliziotti, vale a dire un agente ogni 185 cittadini” calcola Yildiz. “In Europa il rapporto è invece di uno a 314. Ora l’introduzione di una milizia vicina al potere ci fa capire che la fine è vicina: il Paese si sta trasformando in un regime autoritario“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»