Ancora maltempo in Campania, prorogata l’allerta arancione nella Piana del Sele e in Cilento

Previste nuove precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale e raffiche di vento. Nel resto della Regione l'allerta sarà invece di colore "giallo" fino alla mezzanotte di domani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – La Protezione civile della Regione Campania ha prorogato a partire dalla mezzanotte e fino alle 23:59 di domani l’allerta meteo di colore “Arancione” sulla Piana del Sele e il Cilento e di colore “Giallo” sulle zone Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana, Penisola sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini, Tusciano e Alto Sele e Tanagro. Si prevedono ancora precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale e raffiche di vento. Anche in assenza di precipitazioni, spiegano dalla Protezione Civile, per effetto della saturazione dei suoli, si segnalano possibili fenomeni di dissesto idrogeologico: instabilità di versante, localmente anche profonda, frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango; ruscellamenti superficiali, anche con trasporto di materiale, possibili voragini per fenomeni di erosione; allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; scorrimento superficiale delle acque nelle strade e possibili fenomeni di rigurgito delle acque piovane con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; fenomeni franosi e possibili cadute massi per condizioni idrogeologiche fragili.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»