Ue, M5s: “Noi coerenti su Mes e Eurobond, Meloni e Salvini pericolosi bugiardi”

"Finche' ci sara' il Movimento 5 Stelle al governo non si corre questo rischio: noi una linea di credito garantita dal Mes non la voteremo"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Siamo di fronte ad una destra pericolosa che, appena terminato l’Eurogruppo, e’ partita all’attacco propagandando fake news: Salvini e Meloni sono degli irresponsabili. E’ nostro obbligo reagire a questi bugiardi di professione che fanno soltanto del male al Paese”. Lo dichiarano in una nota congiunta i deputati e le deputate del MoVimento 5 Stelle in Commissione Politiche Ue.

LEGGI ANCHE: Ue, Meloni: “Governo umiliato, non porta a casa niente”

Sul fondo Salva Stati si dicono tante menzogne. E va chiarito, una volta per tutte, che l’Italia non ha attivato il Mes. E’ uno strumento che gia’ esiste dal 2012 e per accedervi si deve attivare tramite mandato parlamentare, ma finche’ ci sara’ il Movimento 5 Stelle al governo non si corre questo rischio: il Mes apre una linea di credito per i vari Paesi e noi una linea di credito garantita dal Mes non la voteremo”, aggiungono i portavoce.

LEGGI ANCHE: Mes, Fassina: “Una trappola che soffoca l’economia, valutare ‘divorzio amichevole’ da Ue”

“Inoltre, nell’accordo siglato all’Eurogruppo e’ previsto un programma di 100miliardi per affrontare la disoccupazione, un intervento di 200miliardi della Bei a tutela delle imprese e, soprattutto, un nuovo strumento voluto fortemente da Francia ed Italia: un fondo per la ripresa con finanziamenti a programmi progettati per rilanciare l’economia in linea con le priorita’ europee e garantire la solidarieta’ dell’UE con gli Stati membri piu’ colpiti. Siamo anche fiduciosi che al Consiglio europeo riusciremo a vincere le ultime resistenze sullo strumento del Recovery Fund. Eravamo, e siamo, convinti che gli eurobond siano una soluzione da adottare”, conclude la nota.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»