Brogli elettorali a Reggio Calabria, Minicuci: “Sindaco si dimetta”

"Così eviteremo un commissariamento e potremmo tornare al voto nella prima tornata utile, tra settembre e ottobre"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Abbiamo scelto la piazza di fronte il Comune per chiedere il rispetto della democrazia, intesa come rispetto di ogni voto. Siamo già andati dal sindaco a chiedere, per il bene della città, di fare un passo indietro, di dimettersi così eviteremo un commissariamento che potrà essere anche lungo”. Così il consigliere comunale di Reggio Calabria Antonino Minicuci, già candidato sindaco del centrodestra manifestando insieme agli altri colleghi dell’opposizione in merito ai presunti brogli alle elezioni comunali. “Potremmo tornare al voto nella prima tornata utile, tra settembre e ottobre – ha aggiunto Minicuci – è palese che la votazione non è stata regolare, la giurisprudenza amministrativa ha più volte evidenziato che anche per pochi voti si annulla e si va a nuove elezioni”.

LEGGI ANCHE: Brogli elettorali a Reggio Calabria, scrutatori illegittimi e nuovo arresto per Castorina

MINICUCI: “PRESENTATAO RICORSO AL TAR”

Abbiamo presentato un ricorso al Tar – informa Minicuci – che verrà esaminato il 12 novembre, il sindaco spera che contrariamente a quanto accaduto per il Comune di Lamezia Terme, esca fuori con una decisione che lo possa salvare, nel senso che si esprima sul fatto che è stato depositato fuori termine. Le irregolarità più gravi nei verbali, però, le abbiamo riscontrate a seguito delle indagini della Procura”.

 MINORANZA CHIEDE DIMISSIONI SINDACO E MAGGIORANZA

Nel corso dei lavori del Consiglio comunale di Reggio Calabria di oggi, i gruppi di minoranza di centrodestra hanno chiesto più volte le dimissioni del sindaco Giuseppe Falcomatà e della maggioranza, tentando di esporre anche uno striscione. L’azione è stata interrotta dall’intervento di un consigliere di maggioranza, poco prima dell’ingresso della polizia municipale, trattenuta inizialmente da un consigliere d’opposizione, che ha riportato l’ordine in aula. A seguire, il gruppo di Forza Italia ha abbandonato i lavori del Consiglio.

LA REPLICA DI FALCOMATÀ

“La nostra posizione sulla vicenda dei brogli elettorali l’abbiamo espressa più volte e in diverse circostanze, anche sui canali social. Non siamo stati in silenzio. Ci sono dei contorni ancora da definire e sui quali chiediamo che venga fatta luce al più presto”. Cosi’ il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà rispondendo all’opposizione durante il Consiglio comunale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»