Liberati gli ostaggi al carcere di Melfi dopo 10 ore di trattativa

Un centinaio di detenuti ospiti della casa circondariale aveva preso in ostaggio quattro agenti di polizia penitenziaria e cinque operatori sanitari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA –  Si è conclusa dopo dieci ore di trattativa da parte delle forze dell’ordine la rivolta nel carcere di Melfi avviata, nella tarda serata di ieri, dai detenuti per protestare contro le restrizioni imposte dall’emergenza cororonavirus.

Un centinaio dei duecento detenuti ospiti della casa circondariale aveva preso in ostaggio quattro agenti di polizia penitenziaria e cinque operatori sanitari, anche se in un primo momento si era ipotizzato che gli ostaggi fossero sette. La sommossa si è verificata nella sezione di alta sicurezza e nella vicina infermeria. Una volta liberati gli ostaggi, i detenuti sono tornati nelle rispettive sezioni. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»